Personaggi e interviste

LE RIFLESSIONI SUL MONDO DELLO SPORT DA PARTE DEL PRESIDENTE DEL CONI LOMBARDO MARCO RIVA, OSPITE A BORMIO

Si è portati sovente a guardare ai grandi dirigenti come a persone irraggiungibili e lontane dal mondo reale; per qualcuno potrà essere anche così, di sicuro questa descrizione non calza per niente nei confronti di Marco Riva, presidente del CONI Lombardia.

LA GIOVENTU' BORMIESE SI RINNOVA

Gli adulti hanno spesso la tendenza a guardare al mondo giovanile con un misto di speranza e sconforto, quasi che la barriera generazionale impedisse la reciproca collaborazione e comprensione. In realtà, se si guarda bene, si trovano ancora molti esempi di giovani positivi e propositivi, che provano a mettersi in gioco nelle loro realtà per dare un segno di disponibilità, di presenza e anche di attaccamento alle tradizioni.

YURI CONFORTOLA, 20 ANNI DI CARRIERA SUL FILO DI LAMA

Quello che ha fatto Yuri Confortola nella recente tappa di Coppa del Mondo in Giappone è qualcosa di assolutamente coraggioso e – a dirla tutta – di eccezionale. Nella finale dei 1500 mt di Nagoya, valida come qualificazione per le Olimpiadi di Pechino 2022, Yuri ha lasciato tutti di stucco con una partenza al fulmicotone e una tattica di gara precisa che ha dato i suoi frutti.

BRUNA FANETTI, UNA CARRIERA BREVE MA BRILLANTE

Pare incredibile, ma all’inizio degli anni 80 la partecipazione femminile alle gare sportive di grande sforzo era ancora ben lontana dai numeri di oggi, in particolare per le discipline quali corsa in montagna e Scialpinismo. Ancora nel 1983, infatti, un cronista sportivo sottolineava “la rimarchevole partecipazione di ben 17 atlete nella categoria femminile, a testimonianza di un cambiamento notevole di mentalità sportiva“.

Il mondo dello Sci Club

Giacomo Baumgarten è un signore distinto, dall’aria quasi sommessa, che quando lo incontri sembra sempre sul punto di scusarsi per il disturbo che ti arreca. Eppure, come la proverbiale acqua cheta, cela una capacità innata di saper incidere efficacemente nelle realtà in cui opera e non a caso è stato coinvolto, con diverse cariche, sia in politica, sia in varie associazioni locali (Lions Club e Sci Club, con la moglie Paola in Croce Rossa), dove si è sempre distinto per lo sguardo aperto e costruttivo sul mondo giovanile.

Ivo Rocca e lo SCAV

allo SCAV, è quella di Ivo Rocca, decano del fondo in Alta Valle che ha attraversato tutta la storia dello Sci Club Alta Valtellina e non solo! Personaggio poliedrico, si è lanciato in ogni avventura con entusiasmo e passione, sempre col sostegno fondamentale della sua famiglia. Ancora oggi è un riferimento per tutto il mondo sportivo per la vitalità che trasmette. Classe 1925, fu protagonista in molte attività, dalla Filodrammatica al coro, dal calcio al fondo, senza trascurare corsi antivalanghe e, naturalmente, il lavoro presso AEM.

L'irresistibile ascesa di Simone

Le vie della pallavolo sono infinite e a volte passano anche attraverso lo studio! Infatti, se l’inizio dell’università segna solitamente per un pallavolista valtellinese la fine della sua carriera, nel caso di Simone Magatelli possiamo tranquillamente fare un’eccezione. In forza sin da piccolo nell’US Bormiese maschile, sebbene a fasi alterne, è entrato nella Gonzaga Milano all’inizio degli studi universitari e da lì ha iniziato l’ascesa dalla 1^ divisione sino alla serie B.