Giunta al termine una stagione davvero complicata, quella dell’inverno 2020/2021, iniziata con gli annullamenti delle gare FIS di Santa Caterina Valfurva e la tappa di OPA Cup di Valdidentro, seppure proseguita con tutti i protocolli, restrizioni e tamponi frequenti per atleti e tecnici. Una stagione strana, ma comunque consapevoli, di aver avuto la fortuna di gareggiare ed esserci, di partecipare e provare a sorridere grazie alla zona “bianca”, il bianco è naturalmente riferito al colore del manto nevoso.

I bambini e ragazzi, che da quest’ultimo anno, si stanno privando di una parte importante di crescita sociale e relazionale con i propri amici e compagni, e che lo schermo di un pc sostituisce una lavagna scarabocchiata da errori, hanno avuto la fortuna e la possibilità, anche grazie al lavoro di passione e impegno costante dei nostri allenatori e tecnici, di allenarsi e stare insieme sugli sci e in un ambiente sano di sport e natura. Abbiamo organizzato a gennaio e febbraio alcuni test delle categorie children, dando la possibilità di confrontarsi e di indossare un pettorale, che mancava da tempo, anche dopo l’annullamento dello Skiri Trophy, per eccellenza la festa più bella dello sci di fondo per centinaia di bambini e ragazzi. Passando ai risultati sul campo gara, ottima stagione di Stella Giacomelli, a CI Assoluti a Schilpario si prende 3 ori, così come un bravissimo Federico Pozzi con la medaglia d’argento ai CI a Tarvisio e l’ottimo secondo posto di Francesca Cola a Clusone. Finale di stagione emozionante anche per Mirco Bertolina: due bronzi ai Campionati Italiani Assoluti (a Passo Cereda) nella 50 km e nella staffetta, da ricordare anche la sua sfortunata partecipazione ai mondiali di Oberstdorf, bloccato 12 ore prima della gara 15 km, a causa del ritiro completo della squadra nazionale per problematiche legate al Covid. L’impegno e la passione sono sempre costanti e quindi dobbiamo ringraziare tutti i ragazzi e giovani per come hanno affrontato questa impegnativa stagione.

Non abbiamo perso un colpo, seppure la foschia del periodo, per quanto riguarda la sezione biathlon. Ottima organizzazione, anche grazie ai tanti volontari, sulle nevi della pista “Viola” di Valdidentro per la tappa di Coppa Italia Biathlon di inizio marzo. Ottimi risultati anche per i nostri atleti: la staffetta di Davide Cola e Davide Compagnoni, a Tesero, che si prendono il titolo tricolore, argento per Daniela Gaglia. Ai CI a Bionaz argento per Davide Compagnoni, poi il bellissimo bronzo, nell’ultima gara di stagione in Val Martello, nella staffetta mista con Marianna Bradanini, Martina Zappa e Davide Compagnoni. La classifica finale di Coppa Italia Biathlon vede il secondo posto di Davide Compagnoni (Aspiranti), il terzo posto di Daniela Gaglia (Giovani) e il secondo di Martina Zappa (Junior).

Nel settore skialp, un nome su tutti: Robert Antonioli, che conquista per la quarta volta la sfera di cristallo generale, e poi il bottino di medaglie ai mondiali di Andorra, dove la Valtellina la fà da padrone. Nelle categorie giovanili ottimi successi, in una stagione sempre in salita, per un bravissimo Andrea Prandi e la fantastica Samantha Bertolina prima nell’overall U20, Nicoló Gal Canclini (passato nelle fila del CS Carabinieri) al suo primo anno da senior entra di diritto nei ghota dello scialpinismo con il terzo posto nella Coppa del Mondo Sprint ed il quinto nella overall. Katia Mascherona conquista la Coppa Italia U20, nella classifica per società della Coppa Italia Giovani lo sci club Alta Valtellina, grazie al contributo di tutti i giovani atleti, chiude al terzo posto. Da non dimenticare, in campo organizzativo, i Campionati Italiani Assoluti a Santa Caterina Valfurva, a metà gennaio, ottimo successo, grazie a tutto il team skiap, preludio per altri importanti eventi.

Cala il sipario, dunque, su questa stagione “particolare”, nella quale, solo grazie all’impegno di tutti, siamo riusciti a fare, organizzare, esultare, emozionarci e crederci, con impegno e passione, perché oggigiorno non è più così scontato. In questa stagione “particolare” un grosso ringraziamento alle autorità locali, che spesso interpellate, hanno consentito lo svolgersi delle diverse attività. Agli organi federali, che altrettanto hanno consentito l’ufficialità degli allenamenti e delle gare.  Infine, un forte abbraccio e un ringraziamento a tutti gli sponsor, che ci hanno sostenuto finanziariamente, seppure il momento economico difficile. Anche i riferimenti sanitari locali si sono attivati con diversi atleti, al fine di permettere loro di proseguire il percorso agonistico della stagione. Primaria importanza va sottolineata quest’anno, all’Istituto “Alberti” di Bormio, che ha ufficialmente inaugurato il progetto studente-atleta, purtroppo tale iniziativa non ha potuto esprimere al massimo le sue potenzialità.

Fiduciosi che la stagione 2021/2022 si possa svolgere in un clima più sereno, auguriamo un in bocca al lupo a tutti gli atleti e alle loro famiglie, che orgogliosamente fanno parte della nostra grande famiglia dello Sci Club Alta Valtellina.


Thomas Sosio

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews