Visite ai pazienti con problematiche che si riferiscono alla terapia del dolore e visite di neurochirurgia generale il mercoledì, infiltrazioni per la terapia del dolore il giovedì: sono i servizi garantiti dall’ambulatorio di Neurochirurgia dell’Ospedale Morelli che è in grado di soddisfare tutte le richieste, anche quelle urgenti.

Quattordici gli appuntamenti previsti per oggi, tra mattina e pomeriggio, compresi quelli che la settimana scorsa era stato necessario rinviare a causa della contemporanea assenza forzata di più medici. Domani ne sono in programma otto, molti meno dei posti disponibili. Mercoledì 20 risultano prenotate otto visite e tre il 21, quindi chi nei prossimi giorni vorrà fissare un appuntamento lo otterrà a brevissimo, senza lista d’attesa. Quello che è avvenuto la settimana scorsa è da considerarsi quale un temporaneo impedimento che non ha creato disagi agli utenti, se non lo slittamento dell’appuntamento di soli sette giorni. ≪L’offerta garantita dall’ambulatorio di Neurochirurgia non è mai diminuita – spiega il dottor Federico De Gonda, direttore dell’Unità operativa complessa della Neurochirurgia -: in funzione dei bisogni, ovvero delle richieste avanzate dagli utenti, organizziamo l’attività nei reparti e negli ambulatori dell’Azienda per soddisfarle, comprese le situazioni di overbooking e le urgenze≫.

Per quanto riguarda le visite del mercoledì, neurochirurgiche e per la terapia del dolore, ci sono 18 posti a disposizione ogni settimana, dai 72 ai 90 al mese, nove il giovedì per le iniezioni di sostanze terapeutiche nell’articolazione, quindi dalle 36 alle 45 al mese: numeri che, come si evince dalle prenotazioni del mese di gennaio, consentono di soddisfare le necessità degli utenti. Le visite del mercoledì vengono gestite attraverso il Cup, il Centro unico di prenotazione, quelle del giovedì direttamente dallo specialista neurochirurgo. Non ci sono utenti in sospeso: tutti quelli che hanno richiesto un appuntamento l’hanno ottenuto.

Emanuela Zecca
Ufficio Stampa ASST Valtellina e Alto Lario

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews