Sono trascorsi due giorni dall’ultimo aggiornamento e il numero dei malati covid-19 ricoverati all’Ospedale Morelli è sceso ulteriormente, da 106 a 101, con l’auspicio di chiudere questo tragico 2020 sotto la soglia di 100, dopo essere arrivati vicinissimi a 200 alcune settimane fa, ma senza mai superare il picco di 220 toccato durante la prima ondata dell’emergenza sanitaria. Una luce in fondo a un lungo tunnel che non è ancora finito, come dimostrano i 101 malati che necessitano di cure, di cui sei ricoverati in Terapia intensiva e dieci in sub intensiva, e i due morti, entrambi maschi, registrati negli ultimi due giorni, uno nato negli anni Trenta e uno negli anni Quaranta.

Dopo il “Vaccination day” di domenica scorsa con le primi cinquanta somministrazioni, a Sondrio sono giunte altre 3500 dosi di vaccino che serviranno per dare avvio alla campagna vaccinale che coinvolgerà il personale dell’Asst. La settimana prossima, secondo un calendario già definito, è prevista la somministrazione del vaccino presso i Presidi ospedalieri di Sondrio, Sondalo e Chiavenna. Gli altri vaccini verranno consegnati con cadenza settimanale per coprire il fabbisogno. In questi giorni si stanno raccogliendo le adesioni dei dipendenti. ≪Grazie al vaccino inizieremo il 2021 nel migliore dei modi – sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito -: auspico un’alta adesione da parte del nostro personale, come del resto è avvenuto per il “Vaccination day”, quando le richieste erano state di molto superiori ai 50 posti disponibili. Nell’attesa della campagna vaccinale che coinvolgerà tutti, la raccomandazione, soprattutto in questa fase, è quella di continuare ad adottare le misure di sicurezza e di essere prudenti, evitando comportamenti rischiosi≫.

Emanuela Zecca
Ufficio Stampa ASST Valtellina e Alto Lario
Nella foto: le scatole contenenti i vaccini

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews