Il Centro di Promozione della Protezione Civile di Sondrio (CPPC), che ha come scuola capofila l’ITAS “G. Piazzi” insieme all’Istituto professionale “Besta-Fossati” di Sondrio, organizza per domani (mercoledì 14 ottobre) un evento che si inserisce nell’ambito delle iniziative legate alla “Settimana nazionale della Protezione Civile” promossa all’interno delle scuole di ogni ordine e grado della provincia. L’evento fa seguito all’incontro di domenica scorsa, 11 ottobre, cha ha dato il via alla “Seconda settimana nazionale della Protezione Civile”: 7 giorni di attività in cui tutti i cittadini potranno conoscere più da vicino il Servizio Nazionale di Protezione Civile. Quest’anno la situazione legata all’emergenza da Covid-19 ha reso necessario organizzare tali iniziative in modalità digitale, in modo da poter essere seguite a distanza attraverso i social all’hashtag #iononrischio2020, sul sito www.iononrischio.it  o dalla app AllertaLOM.

Con la Legge 92/2019, che ha introdotto l’insegnamento scolastico dell’educazione civica, si intensifica la volontà di diffondere la promozione e la conoscenza delle attività dei gruppi volontari di Protezione Civile. A tal fine, nell’ambito della settimana in oggetto, saranno messi a disposizione delle istituzioni scolastiche dei materiali video selezionati e presenti in Rete, da visionare e commentare in classe possibilmente (ma non necessariamente) nella giornata di mercoledì 14, reperibili cliccando video 2020 oppure alla cartella condivisa (in costante aggiornamento):

https://docs.google.com/document/d/1TKyLkCxFwyWXHws1vwTkoZjYFIFbURY1t4CRJSdxOVY/edit

«Si tratta di una giornata formativa molto importante, in particolare per la nostra realtà provinciale, che vive situazioni di cronicità e di rischio frequente di vario genere – sottolinea il professor Pierluigi Morelli, referente provinciale del CPPC –. La Protezione Civile è sempre in prima fila attraverso il lavoro volontario di uomini e donne, formate e competenti ed in grado di gestire le situazioni di emergenza. Oltre a diffondere la cultura della sicurezza, l’evento ha anche lo scopo di divulgare la tradizione del volontariato e della gratuità, in un’ottica di educazione civica e di solidarietà, che anche nei giovani è necessario testimoniare e tenere viva».

«Oggi più che mai è importante che i nostri ragazzi abbiano l’opportunità di conoscere da vicino lo straordinario mondo della Protezione civile e delle persone che vi operano con grande generosità ed abnegazione – aggiunge il Dirigente Ust, Fabio Molinari –. Ritengo che le azioni messe in campo dal CPPC rappresentino, a tutti i livelli, un momento di riflessione fondamentale anche nell’ottica di valorizzare un più ampio e articolato percorso di educazione alla legalità».

 

Ufficio Stampa UST

 

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews