Negozi, bar e ristoranti alleati nella prevenzione dei tumori.

L’idea é venuta all’ Amministrazione Comunale di Albosaggia che, nonostante i tempi difficili imposti dal Covid, ha deciso di proporre e sostenere concretamente anche quest’anno le ormai consuete azioni messe in campo ogni anno ad ottobre.

“Quest’anno l’emergenza sanitaria impone nuove modalitá operative – spiega l’assessore ai servizi sociali Francesca Carnazzola – per questo abbiamo deciso di promuovere i temi legati alla prevenzione sostenendo la locale sezione della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) con sede a Sondrio”.

In pratica dal 19 al 31 ottobre i pubblici esercizi del paese daranno vita ad “Albosaggia in rosa” proponendo servizi, prodotti e offerte sui quali attivare una raccolta fondi.

“In questo modo daremo un aiuto alla LILT – aggiunge il consigliere alle Politiche Giovanili, Michela Piani – valorizzando e mettendo in luce al tempo stesso il grande senso di comunitá dimostrato dai nostri imprenditori anche nei tempi difficili di questa pandemia”.

L’iniziativa fa seguito alla fitta serie di eventi sociali, culturali e sportivi – accomunati dall’obiettivo di promuovere le azioni di prevenzione dei tumori, in particolare nella fascia femmminile – messi in campo negli ultimi anni grazie anche alla collaborazione con tutte le associazioni del paese aderendo anche ai programmi  di carattere sanitario a livello nazionale.

Ai cittadini non resta che partecipare sapendo che per due settimane parte di ciò che spenderanno per caffé o parrucchiere, in farmacia, al ristorante o in agriturismo, sará destinato alla LILT: la locandina con le proposte di “Albosaggia in rosa” sará esposta presso le attivitá interessate e pubblicata sui canali di comunicazione di Comune di Albosaggia e Fondazione Albosaggia.

 

Carnazzola Francesca
Assessore ai Servizi Sociali

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews