Nella millenaria chiesetta di Santa Perpetua, a Madonna di Tirano, torna anche quest’anno la rassegna “Musica dell’anima” organizzata dall’Assessorato alla Cultura e allo Sviluppo turistico del Comune di Tirano con la collaborazione del Consorzio turistico Media Valtellina e con la direzione artistica di Alex De Simoni.

Un’edizione con pubblico dimezzato per evitare assembramenti in chiesa, ma con la replica di ogni concerto per consentire a tutti di partecipare.

In questo luogo di grande suggestione storica e paesaggistica, fra settembre e ottobre si avvicenderanno 5 appuntamenti creati dai musicisti che quest’anno sono stati invitati ad ispirarsi al luogo che li ospiterà e ad una suggestione, il “canto degli uccelli” a quel linguaggio misterioso e profondo, di cui si parla in tante tradizioni e religioni e al quale nei secoli anche tanti musicisti si sono ispirati. “I più grandi musicisti sulla terra” li definì non a caso Olivier Messiaen (1908-1992), compositore, organista e ornitologo francese.

Come spiega il poliedrico musicista valtellinese Alex De Simoni “Alla sua IIIa edizione la “Musica dell’anima” si connota sempre di più come vero festival musicale, che fedele alla sua forma raccolta e meditativa, propone il frutto di una ricerca musicale che porta dei concerti pensati e creati proprio per la rassegna,  in sintonia con la chiesa di Santa Perpetua e il suo spazio prezioso e denso di sacralità”.

Il primo appuntamento domenica 20 settembre inaugura la stagione proponendo “LA LANGUE DES OISEAUX la lingua degli uccelli” di Alex de Simoni, un concerto per pianoforte solo ispirato al linguaggio segreto e simbolico delle cose, dei suoni, della vita.

Domenica 4 ottobre all’ora precisa dell’alba 7.23 il giovane e Tvalente chitarrista Lorenzo Schiavi propone il suo “ALBA A SEI CORDE accompagnando il levar del sole”, un concerto di chitarra classica le cui melodie, come un canto mattutino di uccelli, annunciano l’arrivo di un nuovo giorno di musica e condivisione.

L’appuntamento pomeridiano è affidato all’Ensemble di Musica Barocca con il concerto “L’ ITALIA BAROCCA IN MUSICA” eseguito da Giuseppe Trabucchi al flauto dolce, Serena Leonardi alla viola da gamba e Sonia Hrechorowicz al clavicembalo. Un concerto dedicato al barocco italiano e ad uno degli strumenti protagonisti di quel periodo creativo e musicalmente ricchissimo: il flauto dolce. La grande sensibilità del trio ci avvicinerà a questo musica  e ai segreti che essa sa comunicare al cuore.

Il viaggio sonoro della “Musica dell’anima” 2020 si chiude domenica 18 ottobre con un doppio appuntamento. Alle 7.41 dell’alba il percussionista Francesco D’Auria, già ospite a Santa Perpetua, propone “KAYAPÓ recital solista per batteria e percussioni per salutare il giorno con il battito lento dei suoi strumenti. Batterista-percussionista-compositore di grande esperienza e sensibilità, attivo sulla scena jazz italiana e internazionale, D’Auria si muove anche in quel territorio musicale di confine tra musica colta, ricerca, improvvisazione, meditazione e contaminazione tra le arti. A Santa Perpetua propone un concerto di brani originali creato appositamente per “Musica dell’anima”.   

Il pomeriggio Flaviano Braga offre un “VIAGGIO IN UN RESPIRO” eseguito con bandoneon solo. Artista dotato di grande tecnica ed eclettismo musicale, Flaviano Braga spazia con disinvoltura dalla musica tradizionale a quella contemporanea e a Santa Perpetua sperimenta l’ampiezza del respiro del bandoneon, strumento iconico del tango argentino e al tempo stesso strumento vicino all’animo umano che qui si fa interprete di un rarefatto respiro sospeso.

E’ importante aver confermato anche “Musica dell’anima” a Tirano” afferma la Vicesindaca e assessora alla Cultura e Turismo Sonia Bombardieri “in particolare proprio quest’anno in cui molti di noi hanno sentito il bisogno di ricercare nella quotidianità qualcosa di più profondo e in sintonia con la natura, proprio quello che la musica può darci” e conclude “ringrazio i musicisti che in questa particolare situazione, si sono resi disponibili alla replica del concerto per non penalizzare il pubblico e rendere sostenibile la rassegna” 

I concerti pomeridiani verranno eseguiti due volte e avranno orari diversi ogni domenica per consentire sempre il rientro a piedi in luce diurna al termine del secondo concerto. 

Orari: il 20.09 alle ore 16:00 e 17:30, il 4.10 alle ore 15:30 e 17:00, il 18.10 alle ore 15:00 e 16:30. 

I concerti dell’alba saranno replicati alle ore 9.00 solo ad esaurimento del primo concerto e si eseguiranno con almeno 10 prenotati. 

L’ingresso è libero ma è richiesta la prenotazione (online su www.eventbrite.it) con l’invito a prenotare solo se si è certi di essere presenti per non togliere ad altri interessati la possibilità di partecipare. 

La replica pomeridiana del concerto è prevista con tempo sufficiente per il rientro a piedi in luce diurna. Si sconsiglia vivamente di salire in auto data la mancanza di parcheggio.  

Attività organizzata nel rispetto delle misure anti-Covid19 vigenti.

 

Dott. Manuel Piardi

Ufficio Stampa

 

programma musica nell’anima

 

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews