Secondo appuntamento musicale a Tirano con il concerto dei Bevano Est, storica formazione romagnola famosa che propone una raffinata mescolanza di nuovo e antico che spazia dal jazz allo swing, dal klezmer alle briose melodie mediterranee passando per quelle bretoni e francesi. 

Domenica 23 agosto (ore 21.00), nella suggestiva cornice di Piazza Salis,  Stefano Delvecchio all’organetto diatonico, Davide Castiglia al violino, Giampiero Cignani ai clarinetti appassioneranno il pubblico con una musica sguaiata e delicata al tempo stesso, che in teatro si siede scomposta, in osteria chiede ascolto e in piazza fa ballare. La loro musica è suonata con l’anima e con il corpo, con la dolcezza e con la rabbia, con la gioia e la malinconia. La loro musica è semplicemente …musica!

Contaminazione e mescolanza caratterizzano la musica dei Bevano Est che prendono il nome da un fiume romagnolo, il Bevano, che accoglie a sé le acque di tanti fossi e  torrenti e arriva al mare. Ma prendono il nome anche da un’area di servizio sull’autostrada, Bevano Est, un non-luogo dove si sfiorano pezzi di mondo di ogni genere. Il progetto musicale del gruppo pulsa dal 1991 ed è oggi una formazione di strumenti acustici che propone, con sottile ironia, una musica di propria composizione che parte dalle sonorità attuali per arrivare alla loro radice più antica ed affascinante che affonda in secoli ormai lontani, una musica che setaccia le cose del mondo, e diventa il centro di innumerevoli relazioni

Di loro hanno detto:

Rustico e raffinato questo gruppo, che della musica popolare conserva la vispezza, il brio, lo struggimento, gli eccessi, l’esortazione al ballo, con una attualità che arriva dalla lezione dei maestri contemporanei, e a una grazia compositiva che lo rende unico”.  Mariangela Gualtieri

Il gruppo romagnolo gioca a spostare il baricentro del folk: l’organetto, i clarinetti e il violino fotografano un paesaggio che scorre nei finestrini di una macchina in corsa, una specie di autostrada stretta e semplice tra le colline romagnole. La loro forza sta nel loro essere visivi con il suono e l’orchestrazione: le musiche del passato, quelle del valzer, ma anche quelle del tango o del klezmer presi in prestito da popoli affini nell’urgenza del ballo, vivono di immagini sincere nei loro brani.” Daniele Berg

Ingresso gratuito. Posti limitati, prenotazione consigliata su eventbrite.it 

Short link prenotazioni: https://bit.ly/3hag9PG 

Organizzazione: Consorzio Turistico Media Valtellina e Comune di Tirano. 

Il concerto inizialmente previsto al Castellaccio è stato spostato in Piazza Salis e prevede la fruizione solamente in posti a sedere, disposti negli spazi delimitati.  

Attività svolta nel rispetto delle misure di contenimento del contagio covid-19 vigenti.

In caso di pioggia il concerto si terrà all’Auditorium Trombini. 

Informazioni: Info Point Tirano Piazza delle Stazioni, 18 | Tel +39 0342 706066

e-mail iattirano@valtellinaturismo.com

 

Dott. Manuel Piardi

Ufficio Stampa

 

 

 

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews