Il premio è per l’impegno nello studio e per il risultato ottenuto ma anche per la capacità di valorizzare e di promuovere la conoscenza del territorio di Valtellina e Valchiavenna: il bando di concorso lanciato dal Consorzio Bim dell’Adda è rivolto ai laureati nell’anno accademico 2018/2019, residenti in provincia di Sondrio, che al 31 dicembre 2019 non abbiano compiuto i 28 anni di età. Il fine di un’iniziativa che viene proposta ogni anno è duplice: premiare i talenti locali da un lato, divulgare Valtellina e Valchiavenna, nelle sue caratteristiche ambientali, socio-culturali, l’acqua e l’energia dall’altro. In ambedue i casi il Bim porta a compimento la sua missione di favorire il progresso economico, sociale e culturale di chi vive nei 77 comuni della provincia di Sondrio.

A disposizione dei neolaureati ci sono 7500 euro che verranno ripartiti fra gli autori delle tesi di laurea selezionate tra quelle che verranno presentate al concorso. Partecipare è semplice: il candidato dovrà presentare la domanda allegando la tesi, in formato cartaceo o su supporto informatico, corredata da una sintesi, oltre alla documentazione richiesta. Sarà un’apposita commissione a valutare i lavori pervenuti e a selezionare i vincitori delle borse di studio.

Il termine per far pervenire la domanda, presso l’Ufficio protocollo del Bim, oppure via posta elettronica certificata, scadrà alle ore 12 del 25 settembre prossimo. Ulteriori informazioni sui requisiti del bando e sulle modalità di partecipazione possono essere richieste alla segreteria del Bim (tel. 0342 213358 – segreteria@bimadda.it). La documentazione è scaricabile dal sito internet www.bimadda.it.

Emanuela Zecca

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews