Oggi e domani è in seduta assembleare il Consiglio della Regione Lombardia, il quale è chiamato a discutere anche l’allegata Mozione, a firma del Consigliere Violi, che impegna la Giunta Regionale “a ripristinare fin da subito tutte le attività ospedaliere attive all’Ospedale “E. Morelli” precedentemente all’emergenza sanitaria da Covid-19 nonché ad indicare come luogo preposto alla gestione del Covid-19 il sesto padiglione, ad oggi vuoto e non comunicante con gli altri”.  

Il “Comitato a difesa della sanità di montagna – Io sto con il Morelli”, unitamente ai Sindaci ed alla popolazione dell’Alta Valle, è attento allo svolgimento della discussione e soprattutto alla votazione della predetta Mozione. 

Ogni consigliere, ogni Gruppo consigliare dovrà infatti passare dalle parole ai fatti, assumendo una decisone assolutamente importante per un intero territorio e per tanti cittadini.

 

Mozione Violi

 

COME PROCEDERE CON SEGNALAZIONI DA PARTE DI CITTADINI E OPERATORI SANITARI 

Diversi cittadini, soprattutto dell’Alta Valle, ed operatori sanitari non solo dell’ospedale “Morelli” inviano al “Comitato a difesa della sanità di montagna – Io sto con il Morelli” numerose testimonianze e segnalazioni in merito a disservizi, o situazioni preoccupanti, relative alla gravissima situazione attuale degli ospedali, in particolare, di Sondalo e Sondrio.

Al fine di evitare che il “Comitato a difesa della sanità di montagna – Io sto con il Morelli” possa essere ritenuto, con un’interpretazione del tutto infondata e strumentale, un soggetto che alimenta le predette segnalazioni, si evidenzia quanto segue:  

l’Esposto (che non è né una denuncia né una querela) è la segnalazione che il cittadino può fare:

 – all’Autorità Giudiziaria per sottoporre all’attenzione di quest’ultima fatti di cui ha notizia affinché la stessa Autorità valuti se ricorra un’ipotesi di reato oppure

– alla Prefettura riguardo la preoccupazione del venir meno o della diminuzione dei livelli essenziali di assistenza ospedaliera, ai sensi del Decreto del Ministro della Salute del 2 aprile 2015, n. 70.  

L’Esposto può essere anche anonimo, quindi non sottoscritto, in quanto può comunque dare impulso ad un’attività d’indagine con effetti diretti sul contenuto dei fatti esposti, seppure di ignota provenienza.

La paura di una possibile ritorsione è la principale ragione per cui si fa ricorso agli Esposti anonimi e vi ricorre, tra gli altri, chi non vuole esporsi personalmente per la vicinanza al soggetto accusato, chi ha con questi rapporti di lavoro, chi non è sicuro delle proprie affermazioni e tuttavia spera che vengano eseguiti i dovuti accertamenti.

– Esposto sottoscritto (firmato) alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio

Chi vuole inviare un Esposto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio, con i propri dati anagrafici e sottoscrizione (Esposto firmato), può farlo spedendo l’Esposto tramite raccomandata a.r. al seguente indirizzo: Spett. le Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio Via Giuseppe Mazzini, n. 34 23100 Sondrio oppure al seguente indirizzo PEC: dirigente.procura.sondrio@giustiziacert.it 

– Esposto sottoscritto (firmato) alla Prefettura di Sondrio

Chi vuole inviare un Esposto alla Prefettura di Sondrio, con i propri dati anagrafici e sottoscrizione (Esposto firmato), può farlo spedendo l’Esposto tramite raccomandata a.r. al seguente indirizzo: Spett. le Prefettura di Sondrio – Corso Vittorio Veneto, n. 27 23100 Sondrio oppure al seguente indirizzo PEC: protocollo.prefso@pec.interno.it

– Esposto anonimo (non firmato)

Chi vuole inviare un Esposto anonimo alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio oppure alla Prefettura di Sondrio, quindi senza propri dati anagrafici e sottoscrizione (Esposto NON firmato), può spedirlo, affrancando la busta con un francobollo di posta ordinaria, rispettivamente ai seguenti indirizzi:

– Spett. le Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio Via Giuseppe Mazzini, n. 34 23100 Sondrio;

– Spett. le Prefettura di Sondrio – Corso Vittorio Veneto, n. 27 23100 Sondrio.

Il sottoscrittore dell’Esposto (firmato o anonimo), se vuole, può dare comunicazione al “Comitato a difesa della sanità di montagna – Io sto con il Morelli” dell’invio dell’Esposto stesso alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio oppure alla Prefettura di Sondrio:

– spedendo l’Esposto firmato all’indirizzo PEC: avv.trabucchiezio@legalmail.it  (componente del “Comitato” stesso);

– spedendo l’Esposto non sottoscritto, affrancando la busta con un francobollo di posta ordinaria, al seguente indirizzo: avv. Ezio Trabucchi (componente del “Comitato” stesso), via Milano n. 38, 23032 Bormio (So).

 

 

Sondalo, il “Comitato a difesa della sanità di montagna – Io sto con il Morelli

27 luglio 2020

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews