RUGBY SONDALO – RUGBY SAN DONATO 29-8 (p.t. 13-3)

SONDALO: Di Corleto, Cecini (77’ Andrea Cossi), Manzolini, Confortola, Emanuele Cossi (51’ Caspani), Manca, Mattia Cossi, Enrico Pedranzini, Bormolini, Rossi (72’ Clementi), Della Bosca, Cenini (57’ Alessandro Corcoglioniti), Federico Settineri, Sinclair, Zucchelli. (n.e. Paganoni, Nicolò Settineri, Gobbi Frattini). Allenatore: Jack Tonola

MARCATORI: 9’ c.p. Di Corleto, 21’ m. Mattia Cossi tr. Di Corleto, 34’, 37’ 42’, 51’ c.p. Di Corleto, 72’ m. San Donato, 79’ c.p. Di Corleto, 80’ m. Manzolini tr. Di Corleto.

Nella gara di recupero che chiudeva la prima fase del campionato di serie C2 il Sondalo si è concesso il lusso di battere la capoclassifica San Donato, confermando a pieno titolo di possedere le giuste credenziali per partecipare alla poule promozione. Purtroppo il pasticcio burocratico che ha tramutato in sconfitta la netta vittoria con l’Amatori&Union alla prima giornata ed i susseguenti punti di penalizzazione si sono rivelati fondamentali per la mancata qualificazione tra le prime tre proprio a vantaggio dei milanesi. Tra le squadre viste a Sondalo in questa stagione, il San Donato è quella che ha destato la maggiore impressione: formazione giovane e ben bilanciata, con una condotta battagliera e un numero otto bravo a dirigere il gioco. I milanesi per arginare le offensive del Sondalo hanno però dovuto ricorrere ad un gioco molto al limite ed alla fina hanno pagato dazio collezionando un gran numero di caci di punizione, sei dei quali sono stati calciati tra i pali da un preciso Di Corleto. I primi venti minuti di gara hanno visto le due squadre darsi battaglia con azioni veloci che però venivano fermate dalle difese. I padroni di casa in questo periodo incassavano solo tre punti, frutto del primo calcio da posizione favorevole concesso dagli ospiti. A metà del primo tempo la partita aveva il primo sussulto con un’azione partita da centro campo e conclusa in mezzo ai pali da Mattia Cossi dopo una lunga fuga lungo la linea dell’out. I sondalini insistevano nella loro offensiva e costringevano i milanesi a ripetuti falli che Di Corleto traduceva in punti con il suo piede preciso. Il 13-3 di fine primo tempo però non era un risultato tranquillizzante, perciò i valtellinesi continuavano il loro pressing e incameravano altri sei punti su punizione, portandosi a distanza di sicurezza. La difesa dei padroni di casa reggeva bene sugli attacchi al largo e soccombeva solo a dieci minuti dalla fine su una ripartenza da un raggruppamento. Nel finale, con le mischie giocate no-contest (senza spinta e con palla vinta automaticamente da chi introduceva la palla) i sondalini arrotondavano il punteggio con un altro calcio di Di Corleto e una meta di Manzolini originata proprio da un pallone vinto in mischia chiusa.

Conclusa la prima fase al quarto posto in classifica, ora si attendono le decisioni del Comitato Regionale in merito alle obbligatorietà per partecipare alla poule promozione. Per ora il Rugby Sondalo è fuori, ma per capire se nella seconda fase sarà poule promozione o poule permanenza bisognerà attendere l’ufficialità.

 

 

Aldo Simonelli
Rugby Sondalo – sezione della Polisportiva Sondalo Sport

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews