Trasferta impegnativa per la Bormio Curling in quel di Cembra in Trentino, per la seconda tappa del campionato italiano di serie B. Dopo la bella vittoria a Claut delle scorse settimane, il calendario ha messo di fronte ai valtellinesi gli avversari di Chiusa e le temibili ragazzine del Lago Santo, che senza nessun timore reverenziale hanno portato a casa la prima partita con un magistrale colpo finale ai danni dei bormini. Alla fine del settimo gioco, infatti, la partita era in perfetta parità 3-3 e il clima – per quanto possibile su una pista di ghiaccio – si è surriscaldato fino all’ultima stone, quella decisiva. Tre punti a bersaglio per i nostri, nessuno per le avversarie, l’ultima giocatrice con i mano le sorti di tutto…. Un lancio calibrato a pennello e la stone del Lago Santo butta fuori Bormio e va a punto: partita chiusa, ma uguale soddisfazione per una buona performance da parte dei nostri ragazzi Primo, Davide, Maio, Fabio e Max.

Più agevole la vittoria contro la compagine altoatesina di Chiusa/Klausen. Mai in difficoltà il quartetto bormino, guidato dallo skip Davide Urbani. Nonostante le fatiche accumulate, sia per la lunga trasferta sia per i due incontri giocati nell’arco di 5 ore, la Bormio Curling ha dominato l’incontro aggiudicandosi 6 end sugli 8 previsti e vincendo con un perentorio 13-2.

La vittoria permette di occupare la seconda posizione nella classifica del campionato di serie B, girone est.

Prossimo turno il 9 febbraio sul campo di Bormio, per il ritorno contro la compagine friulana di Claut.
maiolanna

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews