CAMPIONATI ITALIANI DI SOCIETA’ FIDAL A CHIURO

Durante il weekend appena trascorso si sono svolti, presso la pista del Centro Sportivo Comunale di Chiuro, i CAMPIONATI ITALIANI DI SOCIETA’ FIDAL (Federazione Italiana Dell’Atletica Leggera) CATEGORIA ALLIEVI/E SU PISTA FINALE B – GRUPPO NORD OVEST: in pista gli atleti della categoria Allievi/e delle 12 società maschili e 12 società femminili di Lombardia, Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta e Trentino che dopo le fasi regionali si sono classificate tra il 13° e il 60° posto a livello Nazionale.
La classifica finale femminile ha visto la vittoria della Nuova Atletica Varese seguita da Pro Sesto Atletica e S.A.F. Atletica Piemonte mentre in campo maschile ha trionfato la Pro Sesto seguita da Atletica Gavirate e Team-A Lombardia. Le prestazioni a livello individuale sono state di ottima qualità nonostante la stagione inoltrata. Le gare hanno messo in luce numerosi atleti interessanti che hanno ottenuto vari record personali di assoluto rilievo come Mattei Giacomo dell’Atletica Canavesana, che si è migliorato nel salto in alto di ben 11 centimetri con 1,96 mt, e Mazzoccato Francesco che si è imposto nel lancio del peso con 16,48 mt, ben 32 cm oltre il suo precedente best.
Questa gara è stata anche l’occasione, per gli organizzatori della manifestazione del Gruppo Sportivo Dilettantistico di Chiuro, per ricordare Giampietro Bracchi, giudice di pista, starter e promotore dell’atletica leggera provinciale, per anni grande collaboratore del Gruppo Sportivo al cui impegno si deve l’organizzazione di importanti meeting di atletica che hanno visto protagonista l’impianto di Chiuro. Il primo trofeo “Giampietro Bracchi A.M.” è stato assegnato alla migliore prestazione tecnica maschile e femminile della manifestazione realizzate da Costa Davide del C.U.S. Genova e da Marasso Ilaria della S.S. Trionfo Ligure nel lancio del martello.
Un weekend di sport che resterà sicuramente nel cuore e nei ricordi degli atleti e di tutti coloro che lo hanno vissuto.

 

IL PRESIDENTE DEL GSD CHIURO
Gianpiero Abordi

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews