Il Sondrio cede ai rigori col Villa Valle ed esce dalla Coppa Italia

Il Sondrio perde ai rigori contro il Villa Valle ed è fuori dalla Coppa Italia di serie D. Niente trasferta in Liguria, a Savona nello specifico, per il rinnovato team valtellinese guidato da Omar Nordi che ha perso ai rigori contro un Villa Valle in inferiorità numerica per 65′ minuti. Ma alla fine forse è meglio così, perché la trasferta ligure sarebbe stata lunga e costosa e, soprattutto, perché la società e il mister alla vigilia hanno detto a chiare lettere che la Coppa “non è un obiettivo”. Quella col Villa Valle è stata comunque una prova importante in vista del via del campionato, previsto per domenica prossima con la prima partita casalinga contro il Dro Alto Garda. A dire il vero il Sondrio non ha espresso granché, sfiorando il vantaggio dopo 8′ minuti con lo sgusciante D’Amuri (tiro fuori di poco dopo una bella progressione) ma andando sotto al 12′ quando Crotti, servito da Ghisalberti, ha superato Finamore con un tiro imparabile da non più di 5 metri. Al 25′ D’Amuri è andato in fuga ma prima di entrare in area è stato strattonato da Donita. Fallo da ultimo uomo ed espulsione meritata. Sulla punizione Di Lauri ha scheggiato la traversa. In superiorità numerica ci si sarebbe sicuramente aspettati di più da un Sondrio che, invece, non ha più tirato in porta, consentendo al Villa Valle di controllare agevolmente la partita. Fino a 10′ dal termine quando Di Lauri, su punizione da posizione impossibile, ha scaldato i guanti a Asnaghi. E al 90′ i valtellinesi hanno centrato il pari. Bel cross dalla destra di Piccone per Austoni che, al momento della battuta a rete, è stato “gettato” a terra da un difensore. Rigore netto che Di Lauri ha trasformato spiazzando il portiere. La sfida si è risolta ai calci di rigore. Il Sondrio è rimasto avanti 2-1 dopo i gol di Di Lauri e Drovetti e l’errore di Austoni (palla alta quasi fuori dalla Castellina) ma ha poi sbagliato gli ultimi due rigori con Piccone (alto) e Ambrosini (parato) e Crotti ha piazzato il rigore del definitivo 4-3 mandando il Villa al secondo turno. Il Sondrio ora può pensare tranquillamente al campionato. “Sono contento di quanto espresso dai ragazzi, avevo bisogno di risposte da alcuni giocatori e le ho avute – dice mister Nordi -, soprattutto dai giovani. I rigori ? Sono una roulette e hanno premiato i nostri avversari, ripeto per noi la Coppa non era un obiettivo. Il modulo ? Noi quest’anno saremo camaleontici, dovremo essere pronti a cambiare a seconda dell’avversario che ci troveremo di fronte. Saremo pronti per un 4-2-3-1 o un 4-3-2-1 o un 4-4-2”.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews