Due anni senza Armando

Caro Armando,

sono due anni che te ne sei andato, immaginiamo per fare l’inviato speciale in un posto speciale… Una parte di te, tuttavia, sopravvive e perdura fra le pagine dei giornali che tu hai contribuito a fondare e dei quali sei poi diventato la colonna portante: Altarezianews e Bormio Sport. Proviamo a seguire la tua rotta, anche se il percorso è tempestoso e ci grava addosso il peso di non poter contare sulla tua autorevolezza e sulla tua competenza.

Tu, Armando, sapevi essere onnipresente e con il tuo paziente lavoro eri riuscito a coinvolgere sapientemente molti colleghi, ad allacciare rapporti proficui con tante persone, a intavolare una rete di relazioni preziosa per il tuo mestiere… Eri la voce dell’Alta Valle e la raccontavi nel modo più genuino e appassionato, com’era nel tuo stile, ma soprattutto con l’onestà che ti derivava da un grande rigore professionale, lontano da certe scorrettezze che oggi vediamo perpetrate nell’informazione, anche nella nostra piccola realtà locale.

Hai lavorato alle “tue” testate fino all’ultimo refolo di forze, perchè avevi grandi progetti in cantiere e perchè le consideravi uno strumento fondamentale al servizio del territorio. Sarebbe bello che la tua eredità non andasse dispersa e sarebbe bello poter dare sempre più continuità al lavoro che hai avviato, magari con l’aiuto di tutti e con l’interessamento delle istituzioni; questo sarebbe anche il modo migliore per renderti omaggio.

La tua requiem aeternam è solo nel corpo, ma nello spirito sei ancora qui con noi a guidarci e a portare avanti questa sfida.

 

La Redazione

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews