Oga si prepara a ‘Li Flama de San Lorenz’

Le fiamme tornano ad ardere a Oga nella tradizionale nottata di agosto dedicate a S. Lorenzo, patrono della piccola frazione arroccata alle falde del monte S. Colombano. Poche le testimonianze documentarie di questo rito, che si perde nella notte dei tempi e si mescola con i racconti orali e con le leggende tramandate in famiglia. Per i giovani ogolini, però, questo è uno degli eventi che segna indelebilmente il proprio “pedigree”: non c’è giovane della frazione che non abbia preso parte – in qualche misura – a “Li Flama de S. Lorenz”. La raccolta della legna, la costruzione della catasta, la disposizione dei ciocchi, l’accensione della fiamma e il mantenimento del fuoco per tutta la notte… affidare una “Flama” a un gruppo vuol dire assegnargli una responsabilità precisa e non è roba da poco, al giorno d’oggi! Molti giovani ne approfittano anche per fare un po’ di baldoria, ma questo fa parte del gioco (senza esagerare!). Più grande è la Flama, più lontano sarà vista e più lontano arriverà il richiamo di questo antico rito pagano.

Venerdì 9 agosto 2019 i fuochi di Oga balugineranno in cielo, insieme alle prime stelle cadenti.

 

Anna

 

Li_Flama_-_locandina

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews