Assegnate le borse di studio per il progetto “Piacere Avis e tu?”

AVIS sezione “Dr. Bruno Volpato” raccoglie i donatori dell’Alta Valle e da decenni costituisce una realtà dinamica e operosa nell’ambito del volontariato: oltre alla normale attività di raccolta sangue/plasma, infatti, l’associazione si caratterizza per le campagne di sensibilizzazione sul territorio locale, volte ad accrescere il numero dei donatori ma soprattutto a far comprendere l’importanza di un gesto semplice – e per qualcuno vitale – come la donazione di sangue. Così, grazie a un accordo di collaborazione con i dirigente scolastico Bruno Spechenhauser, gli studenti del mandamento di Bormio sono stati coinvolti nel progetto “Piacere Avis e tu?”: una serie  di incontri in aula con i volontari avisini, che hanno spiegato ai ragazzi come funziona la macchina organizzativa AVIS e manifestato le proprie motivazioni personali che li hanno spinti a diventare soci di questa “famiglia”. Ognuno con i suoi limiti, ognuno con le sue paure, ma sempre con l’obiettivo di contribuire con un gesto piccolo e concreto al bene di tanti ammalati e di tante persone. Spesso nei confronti della donazione vi è una sorta di diffidenza, se non di paura, ma se tutto viene riportato entro il giusto contesto risulterà non solo accettabile sottoporsi a un piccolo prelievo, ma anche appagante sapere di aver contribuito a salvare delle vite!

Per dar ancora più valore a questi incontri e fare in modo che l’impegno degli studenti-donatori possa essere “premiante”, il consiglio AVIS di Bormio ha istituito per l’anno scolastico 2018/2019 3 borse di studio del valore di 300 euro ciascuna: un riconoscimento alle capacità di coloro che si distinguono non solo per la loro dedizione al volontariato, ma anche per quella in ambito scolastico. Al termine degli esami, dunque, le prime borse di studio sono state assegnate a Carola Rodigari, Giada Urbani e Anna Vitalini studentesse dell’Istituto “Alberti”: le tre avisine hanno potuto festeggiato sia il diploma (la borsa di studio, infatti, è indirizzata ad alunni frequentanti l’ultimo anno scolastico) sia la conquista del premio AVIS, che sarà ufficialmente consegnato durante l’annuale festa sociale di novembre.

Dalla segreteria locale AVIS spiegano: Abbiamo pensato di coinvolgere in questo modo i giovani per avvicinarli alle tematiche sulla donazione di sangue: abbiamo bisogno di loro! Entrando nelle scuole ci siamo proposti di diffondere il valore della solidarietà e della cultura del dono, che non è solo un modo per salvare la vita delle persone, ma è anche un importante momento di crescita umana, civile e culturale. Il sangue non si può produrre, si può solo donare! E’ un bene insostituibile che deve essere sempre presente nelle strutture sanitarie, perchè garantisce il diritto alla vita delle persone!

E se il prossimo ad averne bisogno fossi io?

 

Per informazioni e iscrizioni:
0342/902670 | cell. 337.1119577
e-mail: avisbormio@avisprovincialesondrio.it
https://www.facebook.com/avisbormio/

 

Anna

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews