Grave preoccupazione degli operatori di Santa Caterina Valfurva
A seguito dell’ultimo incontro in Prefettura dello scorso 8 luglio 2019 sulla problematica della frana del Ruinon, durante il quale si è confermata la chiusura della strada nel tratto S. Antonio-S. Caterina con l’eccezione di due uniche finestre di passaggio (dalle 07.00 alle 10.00 e dalle 18.00 alle 21.00), gli operatori turistici della località hanno inviato una lettera agli enti locali e sovracomunali “per esprimere la forte preoccupazione anche a fronte delle ultime decisioni”.
Alberto Pedranzini, Alvaro Pedranzini e Giuseppe Bonseri (in qualità rispettivamente di presidente della Pro Loco Valfurva, presidente del Consorzio Turistico Tourisport S. Caterina, amministratore delegato della Santa Caterina Impianti Spa), a nome degli operatori turistici rimarcano la situazione di emergenza in cui versa la stazione turistica, il cui accesso da Bormio risulta ormai quasi totalmente precluso dal 22 giugno, con conseguenze disastrose sull’economia della vallata e ripercussioni negative per l’immagine del territorio.
Riportiamo in allegato la missiva, auspicando che la situazione possa evolvere – anche in futuro – verso una risoluzione definitiva del problema: nonostante le divergenze di vedute e di politiche, Santa Caterina è una stazione turistica che fa parte integrante del nostro comprensorio.
Anna

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews