Stelvio-Santini-Cancano: 2450 ciclisti sui tornanti che portano alle torri di Fraele

La Stelvio Santini 2019 è la gara che non ti saresti mai aspettato: il format usuale, con arrivo allo Stelvio, è stato stravolto dalle condizioni della strada che conduce al passo, di cui l’ANAS non ha ancora autorizzato l’apertura: d’altronde, come pensare di far transitare oltre 3000 persone su una carrozzabile non ancora ripristinata dopo la chiusura invernale, con i pericoli oggettivi che ciò comporterebbe per la sicurezza delle persone? E allora via tutti a Cancano! Che non sarà lo Stelvio, ma resta una scalata di tutto rispetto, soprattutto sotto i circa 25 gradi di caldo che domenica 2 giugno hanno “infiammato” i ciclisti. Intanto molti concorrenti hanno avuto l’occasione di scoprire un percorso alternativo e ugualmente appagante, con il cronometraggio posto alle storiche torri di Fraele e poi, dopo un paio di chilometri di sterrato costeggiando il lago di monte Scale, l’arrivo nella piana di Cancano. Tra le migliaia di partecipanti qualche mugugno ma la maggior parte soddisfatti della giornata, come il gruppo di 7 coreani appassionati di ciclismo: dopo 24 ore di viaggio siamo arrivati a Bormio. Siamo venuti per scalare lo Stelvio, è un peccato perché abbiamo visto che è chiuso… vorrà dire che torneremo l’anno prossimo per riprovarci! Però siamo stati bene: è la prima volta che veniamo a Bormio e siamo rimasti molto contenti della salita di oggi: abbiamo fatto tutti il lungo, un gran bel giro! Se ne sono andati felici come non mai, dopo aver ricevuto in omaggio alcuni prodotti tipici… anche se è stata un po’ dura spiegargli come si cucinano i pizzoccheri!!! La gara si è svolta in modo ordinato e, nonostante la rinuncia da parte di qualche centinaio di iscritti, i tornanti di Fraele si sono riempiti di biciclette e le strade di volontari con le inconfondibili magliette arancioni. Mario Zangrando, presidente del settore Ciclismo US Bormiese, e le due sorelle Paola e Monica Santini, main sponsor della manifestazione, non nascondono la gioia per essere riusciti a portare a termine un evento così complesso: sono felice, mi basta vedere gli occhi e il sorriso delle persone che oggi sono qui all’arrivo di Cancano; abbiamo discusso tanto per cercare una soluzione al problema dello Stelvio chiuso e mi pare che la gente sia rimasta soddisfatta. Cercheremo di migliorare ancora dove serve per gli anni a venire.

Per l’edizione di quest’anno la famiglia Santini ha pensato anche di stringere una partnership con l’organizzazione no-profit World Bicycle Relief, che si occupa di costruire e distribuire biciclette alle popolazioni delle zone più povere del pianeta. La raccolta fondi viene portata avanti – tra gli altri – dalla piccola ciclista inglese Ruby Isaac, undici anni e tanta grinta da vendere: Ruby ha salito i tortuosi tornanti di Cancano e nella serata di sabato è giunta al Pentagono dove è stata accolta dalla folla degli iscritti alla GF Stelvio Santini e dove le è stato consegnato un assegno di 3299.00 euro, il contributo raccolto dalla manifestazione (per info https://www.justgiving.com/campaign/RubyIsaac).

Le premiazioni, suddivise per percorso (corto/medio/lungo), hanno coinvolto diverse categorie di ciclisti: ai primi assoluti, inoltre, sono state assegnate le maglie e il titolo di “Queen/King of the mountains” sulla base delle classifiche stilate per ciascuna delle cronoscalate (Teglio, Mortirolo e Cancano).

 

Anna

CRONO CANCANO

CRONO MORTIROLO

CRONO TEGLIO

KING_QUEEN PERCORSO CORTO PREMIAZIONI (2)

KING_QUEEN PERCORSO LUNGO PREMIAZIONI (3)

KING_QUEEN PERCORSO MEDIO PREMIAZIONI (4)

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews