Il 1° dicembre è la Giornata Mondiale contro l’AIDS

Il 1° dicembre è la Giornata Mondiale di lotta contro l’AIDS. Non solo un momento di riflessione ma di vera e propria azione per l’ATS della Montagna da sempre in prima linea contro quella che purtroppo si conferma una priorità della società attuale. “Non pochi sono stati gli obiettivi raggiunti – commenta a tale proposito Maria Beatrice Stasi, Direttore Generale dell’ATS – ma c’è ancora tanto da fare. Il rischio di contrarre l’HIV, infatti, esiste ancora e, oggi più che mai, interessa ogni fascia di età. In occasione del 1° dicembre, l’ATS della Montagna – prosegue Stasi – ha deciso di organizzare e promuovere su tutto il suo territorio una serie di iniziative con l’obiettivo di tenere alta l’attenzione sull’argomento e di sensibilizzare la popolazione”. Nel 2015 in Italia, sono state segnalate 3.444 nuove diagnosi di infezione da HIV (questo numero potrebbe aumentare a causa del ritardo di notifica) pari a un’incidenza di 5,7 nuovi casi di infezione di HIV ogni 100.000 residenti. Tra le nazioni dell’Unione Europea, l’Italia si colloca al 13° posto in termini di incidenza delle nuove diagnosi HIV e le regioni con l’incidenza più alta sono state il Lazio, la Lombardia, la Liguria e l’Emilia-Romagna. Le persone che hanno scoperto di essere HIV positive nel 2015 sono maschi nel 77,4% dei casi. L’età mediana è di 39 anni per i maschi e di 36 anni per le femmine. L’incidenza più alta è stata osservata tra le persone di 25-29 anni (15,4 nuovi casi ogni 100.000 residenti). “Ogni anno anche nel territorio dell’ATS della Montagna si riscontrano nuovi casi – spiega Lorella Cecconami, Direttore Sanitario dell’ATS della Montagna – dovuti soprattutto a rapporti sessuali non protetti: dal 1° gennaio 2016 al 30 giugno 2017 ci sono stati 4 nuovi casi di infezione di HIV e 4 casi di AIDS”. Al fine, dunque, di tenere alta l’attenzione e di sensibilizzare la popolazione, il prossimo 1° dicembre, l’ATS della Montagna, oltre ad illuminare di rosso la propria sede in via Nazario Sauro a Sondrio, darà la possibilità a chiunque lo vorrà di effettuare il test per l’HIV, attivando specifici sportelli negli ambulatori delle sedi del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria (DIPS). Attraverso un semplice esame del sangue o un test rapido salivare, in forma gratuita e anonima, è possibile sapere se si è venuti a contatto con il virus.

Sedi e orari delle iniziative dell’ATS della Montagna previste il 1° dicembre 2017

OPEN DAY

Area Territoriale Valcamonica 

  • Breno – via Nissolina, 2 – dalle 9.00 alle 13.30 – tel. 800.076.323

Area Territoriale Valtellina e Alto Lario

  • Bormio – via Agoi, 8 – dalle 9.00 alle 12.30 – tel. 0342.909.128
  • Tirano – via Cappuccini, 4 – dalle 9.00 alle 12.30 – tel. 0342. 707.333/707.339 – Sondrio – via Stelvio 35/A – dalle 9.00 alle 12.30 – tel. 0342. 555.427
  • Morbegno – via G.B. Martinelli dalle 9.00 alle 12.30 – tel. 0342. 643.271
  • Chiavenna – Piazza Corbetta 1 – dalle 9.00 alle 12.30 – tel. 0343. 67.330
  • Dongo – Viale Falck 3 – dalle 9.00 alle 12.30 – tel. 0344. 973.529
  • Menaggio – Villa Govone – dalle 9.00 alle 12.30 – tel. 0344. 369.210/369.222

TEST SALIVARE HIV

  • Darfo Boario Terme – Piazzale Autostazione, dalle ore 21.00 – in collaborazione con  Equanime e l’Arnica
  • Sondrio – Piazzale Bertacchi, dalle ore 15.30 alle ore 19.30 – in collaborazione con la Croce Rossa Italiana di Sondrio

NUMERO VERDE
Prenota il Test HIV al numero verde:

  • 800.076.323 per la Valcamonica dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.00
  • 800. 575.662 per la Valtellina e il Medio Alto Lario dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.

 

Caterina Conforto
Ufficio Stampa ATS della Montagna

 

 

banner-web_hiv

 

 

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews