Bim Adda contro il Governo: “ci vogliono scippare 10 milioni di euro”

Il decreto legislativo in tema di pagamenti dei servizi eco sistemici approvato dalla Commissione del Ministero dell’Ambiente, articolo 14 comma 4, introduce l’istituzione di un fondo a disposizione del Governo in cui verranno versati la metà dei sovra canoni del Bim.
Il presidente Bim Adda Carla Cioccarelli ha preso decisamente posizione contro questo decreto. “Questi sono soldi della comunità – dice – che devono rimanere in Valtellina e Valchiavenna, quindi invitiamo chi è a Roma ad intervenire immediatamente. In questo modo saremo vincolati a un fondo di non chiaro utilizzo in cui dovremo versare almeno 10 milioni di euro. Questo è un attacco diretto alla nostra autonomia gestionale. La metà dei soldi del Bim sparirebbero in un fondo gestito dal Governo centrale di cui in provincia non tornerebbe più nulla. Con le convenzioni scadute lo scippo riguarderebbe poi altri 5 milioni”.
Ricordiamo che i servizi eco sistemici rivestono un ruolo sempre maggiore all’interno dei processi decisionali per garantire la conservazione delle risorse naturali, il benessere umano e la prosperità economica. Le risorse naturali quali le foreste, i sistemi agricoli e le aree umide oltre ai prodotti forniscono servizi come la depurazione delle acque, la mitigazione del cambiamento climatico e la conservazione della biodiversità. L’articolo 14, che il presidente Cioccarelli contesta duramente, recita: “Nel caso di consorzio il sovra canone è attribuito ad un fondo comune a disposizione del consorzio o dei consorzi presenti nel perimetro interessato, il quale fondo è impiegato per il 50% esclusivamente a favore del progresso economico e sociale delle popolazioni e per il 50% esclusivamente ad opere di sistemazione e manutenzione montana che non siano di competenza dello Stato”.
L’allarme è grande, per Valtellina e Valchiavenna si tratterebbe di una ulteriore beffa.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews