LeAltreNote: bilancio positivo per l’edizione 2013 del festival musicale

VALDIDENTRO – E’ stato uno degli eventi culturali che ha caratterizzato questo ultimo scorcio di stagione estiva. Valdidentro, le sue chiese e le varie strutture pubbliche, ma anche Bormio e Grosio, Valmalenco e Valposchiavo, Livigno, Bormio 2000 e Valfurva hanno ospitato un mese di iniziative legate alla musica. Iniziative inserite nel nutrito cartellone del festival LeAltreNote. Una rassegna che non si è presentata solo e semplicemente con concerti; ma ha voluto proporre incontri, confronti, scoperte dell’arte locale. Un’idea vincente e convincente, come ci confermano Paolo Pinto e Francesco Parrino, musicisti e organizzatori della rassegna in collaborazione con enti e istituzioni locali.
“La prima edizione valtellinese del festival LeAltreNote – ci ricorda Paolo Pinto – è stata nel 2010, quella appena conclusa è la quarta edizione. Negli anni il festival si è ingrandito abbracciando nuovi territori e si è allargato nell’offerta artistica con nuove collaborazioni e la possibilità di accogliere più artisti con le loro proposte. Valdidentro è stata una sorta di ‘campo base’, proponendo una sede unitaria per i corsi della masterclass evitando così una dispersione difficoltosa, a livello organizzativo e programmatico, degli studenti. Il territorio ha accolto l’iniziativa con attento interesse e forte partecipazione. Per gli appuntamenti del festival, tutte le località interessate hanno mostrato sensibilità e attenzione agli eventi sia da parte delle istituzioni coinvolte che da parte del pubblico”.
Soddisfatto il pubblico e gli operatori, soddisfatti anche gli artisti… “E’ vero, tutti gli artisti partecipanti agli eventi del festival hanno trovato un territorio attento ai loro interventi pur non conoscendone il curriculum artistico. E ne sono stati favorevolmente impressionati”.

E l’organizzazione che cosa ne pensa di questa edizione? “Siamo sicuramente soddisfatti di questa edizione che è stata lunga e impegnativa ma foriera di importanti riconoscimenti, ad un pubblico consolidato si è aggiunto infatti un pubblico nuovo che ha potuto apprezzare la volontà di coinvolgimento e lo spessore di ricerca culturale dei numerosi eventi in calendario”.
Successo anche per la masterclass che ha trovato una sistemazione logistica congeniale e quest’anno si è caratterizzata per l’aumento notevole delle adesioni (80 gli iscritti ai diversi corsi di strumento singolo e musica da camera) e la partecipazione di studenti valtellinesi che hanno potuto condividere momenti di crescita e confronto in uno stimolante clima internazionale. “Certamente il festival LeAltreNote tornerà anche l’anno prossimo in Valtellina per quello che è diventato un appuntamento annuale, con lo stesso entusiasmo della prima volta”.

redazioneCultura

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews