MILANO – Il Consiglio Regionale della Lombardia in seduta del 10 marzo 2009 ha approvato l’atto costitutivo dell’Accademia della Polizia Locale. L’Accademia per ufficiali e sottufficiali della polizia locale della Regione Lombardia, prevista dalla legge regionale n. 4/2003, vuole assicurare un’efficace formazione professionale attraverso la qualificazione, specializzazione, aggiornamento del personale in servizio e la formazione specifica per i comandanti. L’Accademia si occuperà anche di iniziative di formazione, ricerca e divulgazione culturale anche a favore della Regione e degli Enti Locali.


L’Accademia istituirà corsi annuali che possono prevedere un periodo residenziale, con concorso alle spese della Regione attraverso una convenzione con l’I.Re.F.
Il percorso formativo si basa già su un sistema flessibile e potrà essere integrato con un meccanismo di crediti.
Al termine dei corsi sono previsti esami di valutazione atti a verificare le competenze acquisite per l’esercizio delle funzioni di comando e del ruolo di ufficiale e sottufficiale. Tutti coloro che supereranno i concorsi saranno tenuti a frequentare uno specifico corso di qualificazione professionale. Il titolo conseguito al termine di questi corsi costituirà titolo formativo utile per selezioni pubbliche e per l’accesso negli Enti Locali della Regione con la funzione di comandante di polizia locale.
L’Accademia si avvarrà di un Comitato tecnico scientifico nominato dal presidente della Giunta costituito dai seguenti soggetti:
• il Direttore generale dell’Assessorato di riferimento della Giunta Regionale;
• il direttore generale dell’ I.Re.R;
• il comandante della polizia locale del comune sede dell’Accademia;
• quattro ufficiali e/o dirigenti in servizio della polizia locale della Lombardia;
• un rappresentante dell’ANCI;
• un rappresentante dell’UPL.
Gli enti locali concorreranno economicamente al funzionamento dell’Accademia attraverso assegnazioni di risorse finanziarie e/o patrimoniali in base ad accordi presi fra le amministrazioni interessate.
Il consigliere Giovanni Bordoni ha espresso compiacimento per quello che si propone come il completamento della legge di Riordino della Polizia Locale. “Si palesa sempre con più evidenza – ha detto Bordoni – la necessità di qualificare il personale dirigente della vigilanza urbana consentendo l’acquisizione delle migliori pratiche per l’esercizio di una professione delicata ed impegnativa. La tutela dei cittadini e la percezione della sicurezza si fonda anche sulla qualità del servizio reso dalla Polizia Locale”.
Le risorse finanziarie per l’Accademia verranno dal bilancio regionale per l’istituzione e il funzionamento; dagli enti locali in relazione alle convenzioni stipulate; da contributi della UE, dallo Stato, da altri enti o organismi e attraverso contributi regionali straordinari per specifiche attività assegnate.

Informazione a cura di Simona Dell’Avanzo dell’Ufficio stampa del consigliere Gian Maria Bordoni

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?