ALTA REZIA – Ferragosto decisamente brutto, dal punto di vista climatico, su tutte le Alpi. Praticamente tutte le manifestazioni programmate per questa festa di mezza estate sono state o annullate, o ridotte, o rinviate. L’evento di spicco, molto atteso, era la “notte nera” di Livigno che si è accontentata del concerto in Plaza Placheda e dei fuochi d’artificio con la neve ad imbiancare le cime. Qualche candela, luci pubbliche e vetrine osurate o ridotte, paese chiuso al traffico: ma nessuna rappresentazione storica. Sarà per la prossima volta visto che Livigno su questo eveno intende spingere a fondo.
Nessun pellegrinaggio alla croce del monte Scale, nessun Intergiro di Cepina, feste popolari e sagre limitate dal maltempo ed in qualche caso rinviate a nuova data.
Si attende un miglioramento della situazione per il fine settimana che vivrà in particolare su un evento speciale come il pellegrinaggio sul San Matteo, al Rifugio Battaglion Skiatori Monte Ortles edal Gavia per la commemorazione del 90° della fine della Grande Guerra.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews