VALFURVA – Iniziato giovedì 17 luglio 2008 il ciclo di conferenze organizzate dal Comitato di Gestione per la Lombardia del Parco nazionale dello Stelvio e dedicate al clima che cambia. Il primo appuntamento è stato dedicato all’influsso che il clima e le mutazioni in atto manifestano sulla vegetazione.Comunicato Stampa – Valfurva 18 luglio 2008
Prima conferenza del Parco – estate 2008 “Il clima che cambia”
Si è tenuta ieri sera, presso l’auditorium delle scuole elementari di S. Antonio Valfurva, la prima di sei conferenze organizzate dal Parco Nazionale dello Stelvio e dedicate al “Clima che cambia”.
La conferenza, che ha avuto un notevole riscontro di pubblico, è stata tenuta dalla professoressa Manuela Pelfini del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Milano. Tema della serata “Leggere la vegetazione arborea per ricostruire i cambiamenti del clima e la storia glaciale”. Sono stati presentati i risultati degli studi sulla vegetazione arborea in corso ormai da anni sull’Arco alpino e nel territorio del Parco Nazionale. L’aspetto più interessante emerso è come gli alberi costituiscano una straordinaria banca dati di informazioni. Gli anelli di accrescimento, con i loro diversi spessori e forme, permettono di ricostruire le vicissitudini subite dagli alberi durante la loro vita. E’ così possibile ricostruire, ad esempio, quale sia stata l’evoluzione dei ghiacciai nel passato o come è cambiato il clima. E ciò anche per periodi molto lontani, di ancor prima che esistessero precise registrazioni strumentali. Particolarmente interessante anche l’attuale ridistribuzione delle specie forestali a seguito delle variazioni climatiche o dello scioglimento dei ghiacciai.
Il prossimo appuntamento è per giovedì 24 luglio, ore 21.00, ancora presso l’auditorium delle scuole elementari di S. Antonio Valfurva. Nicoletta Cannone, dell’Università degli Studi di Ferrara, tratterà il tema “Impatti del cambiamento climatico sulla vegetazione alpina”. Ingresso libero.
Massimo Favaron – Coordinatore attività didattiche e divulgative Parco Lombardia

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews