Avviso pubblico per il riconoscimento del Bonus Assistenti Familiari

Con questa iniziativa si intende favorire l’accesso dei cittadini ai servizi qualificati attraverso il consolidamento ed il potenziamento degli sportelli informatici nonché tramite l’istituzione del Bonus “Assistenti Familiari” a favore delle persone e delle famiglie che necessitano di supporti mediante caregiver professionale. Gli sportelli per l’assistenza familiari, come stabilito dalla l.r. n. 15/2015 all’art. 5, devono essere connessi con il sistema dei servizi sociali e socio-sanitari. Il Bonus “Assistenti Familiari” è finalizzato a diminuire il carico oneroso delle spese previdenziali e a garantire alle famiglie maggiormente vulnerabili con presenza di componenti fragili, la possibilità di accedere alle prestazioni di assistenti familiari qualificati e con forme contrattuali e condizioni lavorative in linea con la normativa di settore.

Il Bonus “Assistenti familiari” è un contributo al datore di lavoro calcolato per un anno sulle spese previdenziali della retribuzione dell’Assistente familiare (contributo massimo 50% delle citate spese e comunque non superiore a € 1.500,00) definito in base al “Prospetto riassuntivo dei contributi dovuti” redatto dall’INPS.

Il destinatario della misura, in esito alla valutazione di ammissibilità e finanziabilità del “Bonus Assistenti Familiari”, può richiedere l’applicazione del FFL, concorrendo all’incremento del contributo di base se sono presenti, nel proprio nucleo familiare, una o più delle seguenti condizioni:
– numero di figli (come risultante dall’ISEE);
– ulteriori componenti, oltre alla persona assistita dal Bonus (come risultante dall’ISEE) quali:
– persone anziane di età maggiore o uguale a 65 anni;
– persone con disabilità o persone non autosufficienti oltre alla persona assistita;
– donne in stato di gravidanza;
– titolarità di un mutuo (anche cointestato) gravante sull’abitazione principale;
– residenza in Lombardia per un periodo minimo di 7 anni, indicando tutti i comuni dove, nel tempo, ha stabilito la propria residenza e la corrispondente durata.
Per ulteriori informazioni: www.regione.lombardia.it
Lombardia Notizie

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews