Bormio e Livigno brillano nella giornata del CIO

L’ora X si avvicina. E l’ora X è rappresentata dal 24 giugno, il giorno in cui il CIO dovrà decidere a quale località assegnare i Giochi Olimpici Invernali del 2026: in lizza Milano Cortina e Stoccolma. La lotta è aperta ma c’è grande entusiasmo attorno alla candidatura italiana. Nella giornata di mercoledì a Livigno e a Bormio è salita la delegazione del CIO che ha visionato i cosiddetti siti olimpici, rimanendone impressionata. La visita è incominciata nel Piccolo Tibet, con i delegati del CIO che sono stati accolti e accompagnati dal presidente del CONI Giovanni Malagò, dalle autorità locali e da alcuni grandi campioni delle discipline invernali quali Dorothea Wierer, Lisa Vittozzi, Chicco Pellegrino e Michela Moioli, Giorgio Rocca. C’è grande fiducia, come ha ricordato il presidente Malagò. “Abbiamo riservato alla delegazione del CIO una straordinaria accoglienza, arricchita da una bella nevicata. La Commissione ci è sembrata particolarmente soddisfatta per quello che gli abbiamo mostrato. C’è ottimismo con piena fedeltà all’agenda 2020. L’impressione delle piste esistenti e dei piani per completare l’offerta è stata ottima sui 19 delegati del Cio. Sono fiducioso sul raggiungimento dell’obiettivo finale. Livigno è un incredibile centro di attrazione multidisciplinare per lo sport ad alto livello”. E anche i membri del CIO pare abbiano apprezzato il progetto olimpico di Bormio, sede delle gare di sci alpino maschile sulla mitica Stelvio, e Livigno, sede delle prove di snowboard e freestyle e del villaggio olimpico che sorgerà nei pressi di Aquagranda.  “Sono stato colpito dal bellissimo paesaggio della zona e dalla sua gente molto ospitale. Livigno e Bormio sono state località di molti campioni di ieri e di oggi che hanno lasciato un segno e un’eredità sul territorio”. Lo ha affermato oggi il romeno Octavian Morariu, alla guida della delegazione Cio di 19 membri per visionare le strutture di Livigno e Bormio. “Nel pieno rispetto delle valutazioni che verranno fatte – ha aggiunto Christophe Dubi responsabile per il Cio delle candidature -, tutto ciò che verrà finanziato per le Olimpiadi resterà a beneficio delle località che le ospiteranno, nel rispetto dell’Agenda 2020”. Soddisfatto anche Luca Moretti, presidente dell’APT Livigno. “

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews