Borse di tirocinio: prorogato il bando promosso da Ust, Istituto “De Simoni-Quadrio”, Circolo Arci “Il Contatto” e Fondazione Pro Valtellina

Favorire la crescita del capitale umano e la competitività del mondo imprenditoriale attraverso interventi che promuovano l’innovazione e lo sviluppo della produttività e investendo nella formazione di giovani laureandi, laureati o inoccupati, che abbiano capacità e volontà di arricchire il proprio curriculum attraverso esperienze sul campo. È questo l’obiettivo del bando promosso dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Sondrio, in collaborazione con l’Istituto “De Simoni-Quadrio” di Sondrio ed il Circolo Arci “Il Contatto”, grazie al sostegno della Fondazione Pro Valtellina che ha messo a disposizione borse per lo svolgimento di tirocini formativi, della durata minima di 2 mesi e massima di 6 mesi, rivolte a giovani studenti universitari, laureandi, laureati (da non più di 12 mesi) o soggetti comunque inoccupati con un’età inferiore ai 30 anni per un valore complessivo di 20mila euro e che si è chiuso oggi alle ore 12.00.

Il bando a sostegno delle attività di tirocinio curricolare o extracurriculare da attivare presso aziende o enti pubblici è stato pubblicato nei giorni scorsi sul sito dell’Istituto “De Simoni Quadrio”. Viene invece prorogata fino al 18 marzo la scadenza per coloro che intendono presentare domanda per l’accesso a 3 borse di tirocinio messe a disposizione dal Gruppo Iperal nei seguenti settori:  l’ufficio selezione-formazione e per i compiti di cassa/box informazioni presso sedi della provincia di Sondrio della una durata di 3 mesi ciascuna. La borsa erogata sarà di circa 400,00 euro mensili. Chi intendesse concorrere per questa opportunità, deve dichiararlo esplicitamente nella richiesta di partecipazione al bando. In questo caso non è necessaria la dichiarazione di accettazione del tirocinante da parte dell’Ente.

«Ringrazio tutti i partner che hanno scelto di sostenere l’Ufficio in questo ambizioso e importante progetto che,  in una sua fase successiva, prevedrà anche una serie di incontri nelle scuole sul mercato del lavoro, sull’imprenditorialità e su tematiche affini  – dichiara il Dirigente Ust, Fabio Molinari –. Il tirocinio formativo rappresenta una formula davvero interessante nell’affrontare il passaggio dal mondo scolastico a quello del lavoro e offre ai nostri giovani l’occasione per misurarsi con importanti realtà del territorio mettendo alla prova le proprie conoscenze, le abilità acquisite e le capacità relazionali e umane».

 

Ufficio Stampa UST

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews