Il Cosio supera il Grosio nel derby della paura

Certi incontri contano più di altri. E uno di quelli è stato sicuramente il derby disputato giovedì sera tra il Cosio Valtellino e il Grosio, recupero di un match non disputato lo scorso 3 febbraio per l’impraticabilità del campo da gioco della Bassa Valle. ll Cosio si è aggiudicato l’incontro e quindi tre punti essenziali per strappare in pratica la salvezza. L’incontro è stato vibrante e già al 5′ Alain Quaini è andato vicino al gol ma De Maron è stato bravo a sventare la minaccia. Ma al 25′ il bomber Quaini è entrato in area ed è venuto a contatto con Leonardo Pruneri cadendo a terra. L’arbitro ha decretato il rigore che lo stesso Quaini ha trasformato di prepotenza.  Il Grosio non è rimasto lì a guardare e ha reagito alla grandissima, pareggiando 10′ minuti dopo con un guizzo di Francesco Ardemagni che ha bruciato un difensore superando Dolzadelli con un preciso diagonale. Al 2′ della ripresa Cosio in 10. Tonelli viene ammonito per un fallo su Ardemagni, protesta con l’arbitro che estrae il secondo giallo e lo manda negli spogliatoi. Al 10′ però Togninalli cala il jolly e il gol da tre punti. Palla in profondità, il centravanti controlla bene e fulmina De Maron con un gran tiro. Il Grosio ha provato a reagire nuovamente ma la mancanza di un centravanti di ruolo si è fatta ancora sentire e Dolzadelli non ha dovuto compiere interventi di particolare entità. Da segnalare, per la cronaca, due episodi dubbi sui quali i grosini hanno protestato a lungo. Al 30′ un cross di Pruneri è stato toccato da una mano di un difensore ma per l’arbitro il tocco è stato evidentemente involontario mentre all’ultimo minuto il direttore di gara non ha ritenuto di punire col rigore uno scontro in area tra un difensore del Cosio e Ardemagni.  Grazie alla vittoria col Grosio, il Cosio sale a quota 30 punti, stacca il Calolziocorte quintultimo della classe e compie un passo quasi decisivo verso la salvezza diretta. Il Grosio invece rimane ultimo a pari merito con la Besana Fortitudo.

CLASSIFICA (23 giornata): Missaglia Maresso punti 45, Arcadia Dolzago 42, Olympic Morbegno e Rovagnate 40, Chiavennese 39, Veduggio 38, Costamasnaga 37, Olimpiagrenta 36, Berbenno 35, Giovanile Canzese 33, Cosio Valtellino 30, Calolziocorte 25, Albiatese 19, Dubino 18, Grosio e Besana Fortitudo.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews