UNA SPECIALE LEZIONE-CONCERTO PER LE SCUOLE

Venerdì 30 novembre, a Tirano, è in programma una lezione-concerto davvero speciale promossa dall’Ufficio Scolastico Territoriale e rivolta agli studenti della provincia di Sondrio. A salire “in cattedra”, alle ore 10.45 presso la Collegiata di San Martino, sarà nientemeno che il maestro Juan Paradell Solé. Una mattinata all’insegna della grande musica condotta dall’organista titolare della Cappella Musicale Pontificia “Sistina” che, come tale, suona regolarmente nelle celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice nella Basilica Papale di San Pietro in Vaticano e nelle manifestazioni concertistiche della Cappella Musicale “Sistina”. Durante l’incontro-concerto con i ragazzi delle scuole, il maestro introdurrà alcuni aspetti legati alla storia e alla fonica dell’organo e, man mano, illustrerà le spiegazioni con dei brani di musica legati al percorso.

UN OSPITE D’ONORE

Juan Paradell Solé, organista titolare della Cappella Musicale Pontificia “Sistina”, è anche Io organista emerito della Basilica Papale di Santa Maria Maggiore in Roma, docente di organo e canto gregoriano presso il Conservatorio di musica “L.Refice” di Frosinone, Presidente onorario dell’Associazione “Settembre Organistico Fabrianese” e Presidente onorario dell’Associazione “Les Amis de l’Orgue Merklin d’Obernai” (Alsazia). Paradell inizia lo studio della musica nella sua città natale, Igualada (Barcellona) in Spagna, con il gregorianista P.Albert Foix, e lo studio dell’organo con la professoressa Montserrat Torrent presso il Conservatorio di musica di Barcellona. Nel 1973 si trasferisce a Roma per proseguire gli studi di organo e composizione con il maestro monsignor Valentí Miserachs, diplomandosi sotto la sua guida in Organo e Composizione Organistica. Successivamente si è perfezionato per un periodo di tre anni in Germania con il professor Günther Kaunzinger. Svolge un’intensa attività concertistica in Europa, Russia, Siria, Stati Uniti, Sud America, partecipando ad importanti Festival organistici internazionali. Ha registrato per la radio e la televisione di Stato (RAI), la Radio Vaticana, la DeutschlandRadio di Berlino, Bayerischer Rundfunk, Radio São Paulo (Brasile), “Catalunya Música”,  nonché per alcune emittenti televisive locali, italiane e spagnole. Con il Coro “Polifonisti Romani” ha inciso due CD con musiche di L.Perosi e V. Miserachs. Ha registrato inoltre un CD a due organi per l’etichetta francese Pamina e numerose incisioni per la ElleDiCi (Italia). E ancora vari CD e DVD con la Cappella Musicale Pontificia “Sistina”.

L’ESIBIZIONE SERALE APERTA A TUTTI

Sempre nella giornata di venerdì 30 novembre, preso la chiesa Collegiata di San Martino a Tirano, il maestro Paradell terrà un concerto serale aperto a tutti che si svolgerà alle ore 20.45.

Il programma sarà il seguente:

  1. CORREA BRAGA (ca.1695-1704)

Batalha de 6° tono

  1. MARCELLO (1686-1739)

Sonata II in sol maggiore  (Largo /Presto/Allegro/Presto)

Ch. GOUNOD (1818-1893)

Marcia Pontificia

  1. FRANCK (1822-1890)

Andantino in Lab magg.

  1. LISZT (1811-1886)

– Introitus

– Ave Maria di Arcadelt

– Tu es Petrus

  1. SILVERI (1818-1900)

Largo religioso

  1. LONGHI

Marcia (Le trombe d’argento)  (1846)

E.TORRES (1872-1934)

Suavis Dominus

B.JULIÀ (1922 – 2013)

Toccata (dalla Suite Gregoriana)

«Sono davvero felice che il maestro Paradell abbia deciso di onorare la provincia di Sondrio con la sua illustre presenza – commenta il Dirigente dell’Ust di Sondrio, Fabio Molinari –.  Si tratta di una figura di riferimento nel panorama musicale internazionale che saprà deliziare i nostri sensi attraverso le sue meravigliose esecuzioni. In questi anni ho già avuto modo di ascoltare i brani eseguiti del maestro e sono certo che l’intensità e la poesia delle sue note sapranno conquistare anche il pubblico valtellinese. Ciò che ancor più mi rende felice è il fatto che gli studenti avranno, non solo la possibilità di assaporare la sua musica, ma anche di confrontarsi con un professionista del suo calibro. Del resto sono convinto che, arte e musica, debbano ricoprire un ruolo di primo ordine nelle nostre scuole come sono certo che, al loro interno, ci siano dei ragazzi che in futuro potranno fare di queste discipline la propria professione».

 

Francesca Nera
Referente per le attività di comunicazione UST Sondrio

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews