Concerto del Centenario

Sono passati quasi quattro anni dal 23 maggio 2015, quando la Fanfara Alpina Valtellinese riuscì a riempire la Piazza Garibaldi a Sondrio per un concerto in ricordo di una giornata terribile di 100 anni fa; l’entrata in guerra dell’Italia.

Analogo successo per questo tematico concerto è poi stato bissato a Tirano nel 2016, a Chiavenna nel 2017 ed a Morbegno nello scorso giugno implementando di volta in volta brani ed applausi.

Il compito della Fanfara, come quello di tante altre iniziative locali, è quello di creare un ponte immaginario tra presente e passato, senza chiaramente glorificare quegli anni; non si festeggia in queste manifestazioni, ma ricorda, si riflette e si cerca di capire meglio l’atmosfera, i sentimenti e la vita di tutti i giorni che i soldati e la gente comune trascorrevano in quegli anni.

Animata da questi sentimenti sabato sera, 3 novembre 2018, alle ore 21, la Fanfara Alpina Valtellinese terrà un concerto conclusivo del Centenario sul palco del Teatro Sociale di Sondrio; il quinto, celebrativo della fine del grande conflitto 1915-’18.

Alle note musicali si armonizzeranno le voci dei Cori: Doppia V di Sondrio e Poschiavo, Vetta di Ponte Valtellina, Corale Bossi di Morbegno e le fresche voci dei ragazzi del Gruppo Teatro di Colorina.

La Fanfara proporrà brani dell’epoca, italiani e d’oltralpe, citandone uno ad esempio Piave Marsch, ovvero la Marcia d’ordinanza del 106mo Reggimento Fanteria dell’Imperial Regio Esercito Austriaco, musiche di guerra e non; componimenti realizzati appositamente per gli eventi della grande Guerra pensiamo ad esempio al La Leggenda del Piave, o al trittico Vittorio Veneto che a noi oggi paiono scontati, dai testi per così dire sempliciotti, ma ricordiamo sempre che la musica oltre a essere la musa ispiratrice per eccellenza fu e lo è tutt’oggi veicolo non soltanto di emozioni, ma di vita politica, di vita sociale in tempo di pace e purtroppo di guerra.

La musica sa farsi e fu così nelle guerre “strumento e arma” nel contempo.

Per concludere con il Silenzio italiano musicato per banda e Ich hatte einen Kameraden, che corrisponde al silenzio austriaco, in ricordo dei caduti di questa cruenta guerra.

Il pubblico che potrà trovar posto nello storico Teatro del capoluogo potrà gratificarsi del concerto donato dai 62 componenti della Fanfara Alpina della Sezione ANA Valtellinese sapientemente diretti dal Maestro Federico Serpi, e della coralità che la supportano.

La crescita qualitativa del sodalizio, fiore all’occhiello della Valtellinese, è indubbiamente documentato dai successi riscontrati nei precedenti concerti fino alle recenti partecipazioni ai raduni dei Dubino e Mariano Comense.

La Fanfara ha magistralmente scandito il passo durante le sfilate, si è esibita in un applauditissimo carosello ed ha incendiato l’entusiasmo del terzo tempo.

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti; occorre dunque mobilitarsi per tempo.

 

Marino Amonini

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews