Assalto al Pistone, la nera dell’Aprica

La sfida lanciata ai runner di montagna ad affrontare il Pistone è stata ampiamente raccolta domenica mattina da più di 120 corridori che si sono lanciati sulla nera della Magnolta senza farsi intimorire dalle nuvole incombenti. Visti da giù, i corridori erano delle velocissime macchie di colore che hanno aggredito la ripida salita, che tocca la pendenza del 51%.

La maggior parte dei partecipanti non si è limitata a percorrere il tracciato testato nell’edizione zero dell’anno scorso, che all’arrivo della cabinovia misura un dislivello di circa 600 metri, ma ha preferito mettersi alla prova sulla lunghezza maggiore che, proseguendo ben oltre l’impianto fino alla Croce del Monte Filone, raggiunge la quota di 2150 metri circa, toccando i 1000 metri di dislivello.

La classifica femminile del percorso non competitivo vede Erika Bettineschi sul gradino più alto del podio con 33’14, seguita da Silvia Berra a 54 centesimi e Marina Testini a 2’26. Miglior tempo maschile per Adriano Salvadori con il tempo di 25’42, tallonato (a 11 centesimi) dal figlio Marco sedicenne, arrivato recentemente settimo al Mondiale Giovanile di Skyrunning, e da Gabriele Bardea, 15 anni, a 2’35.

Si aggiudica la prima edizione del chilometro verticale maschile Davide Trentin: solo 38’42 per raggiungere la vetta, seguito da Guido Rovedatti e Andrea Prandi a una manciata di centesimi. Vittoria per la giovane e fortissima Giulia Murada con il tempo di 46’42, seguita dall’aprichese Lucia Moraschinelli con 51’52 e da Sarah Palfrader con 53’45.

I corridori hanno molto apprezzato il percorso scelto per la gara competitiva anche se, dopo essersi rifocillati al ristoro Aprica, hanno gradito l’opportunità di tornare in paese con la cabinovia.

 

Tourist Infopoint Aprica
Corso Roma 150 – 23031 Aprica SO
tel. +39 0342 746113
mail info@apricaonline.com
web www.apricaonline.com

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews