Concerti passati e futuri con AmbriaJazz Festival

La qualità della Musica che il Festival AmbriaJazz propone in Valtellina si conferma elevata e lo ha già dimostrato a cominciare dal gran concerto Duke’s Flowers, progetto di Ettore Fioravanti con Roberto Cecchetto, Alessandro Rossi e Daniele Raimondi sui brani scritti da Duke Ellington. Il progetto è stato eseguito con passione e grande coinvolgimento di pubblico in apertura del Festival a Castione Andevenno giovedì 5 luglio scorso. Perfetto il connubio tra musica ed arte con l’esposizione delle opere montate sui pali delle vigne dal nome Vignea Bronzea di Valerio Righini a ricordare il rapporto tra territorio ed espressione creativa, la stessa che partendo dai fiori si esprime con un meraviglioso progetto musicale.

E perfettamente riuscito è il progetto MenoMondoPossibile nei giardini Ex-Adua a Sondrio (Scarpatetti) con la contaminazione tra la musica jazz, l’elettronica, le video installazioni coinvolgendo un numerosissimo pubblico di tutte le età. In questa serata, grazie ad Olympus, ha avuto ottimo riscontro il workshop fotografico XAmbriaJazz organizzato da Pino Ninfa, uno dei maggiori fotografi jazz italiani ed ottimo docente, … e dagli scatti dei corsisti si vede! Il workshop continuerà per tutto il Festival documentando i molteplici eventi. Interessanti gli scatti realizzati domenica 8 luglio lungo il Sentiero del Sole da Baruffini fino ai Baitei del Pergul ed alla diga di Sernio con le pause musicali e narrazione di Petali di Pietra, un progetto creato appositamente da AmbriaJazz con Carlo La Manna (autore dei testi), Giuliano Cramerotti e GianLorenzo Imbriaco. Tale la bellezza dei racconti, delle note e dei luoghi da incantare un pubblico nutrito. Sicuramente il Sentiero sarà più battuto d’ora in avanti perché è impossibile non tornare in quei luoghi magici per chi vi ha respirato il racconto di montagne e di frane, di pietre costruite e di draghi in un turbinio emozionale unico. E che dire di Melòdia, eseguito a Chiuro il 10 luglio, in Auditorium causa pioggia invece che nella bella Corte Quadrio Maria De Pontaschelli. Carmine Ioanna, Rino De Patre e Giovanni Montesano hanno dato il meglio del meglio nell’eseguire il loro progetto nato lo scorso anno in AmbriaJazz, un concerto riuscitissimo con standing ovation finale e doppio bis.

Sempre presenti i pali delle vigne scolpiti ad opera dell’Associazione Intagliatori di Chiuro, uno dei simboli del Festival che sottolinea quanto la valorizzazione del territorio sia elemento importante per AmbriaJazz, non a caso il Festival è itinerante.

I prossimi appuntamenti saranno a Ponte in Valtellina sabato 14 luglio alle ore 21:00 con Intimistico di Carlo Maver  bandoneon e flauti nel sagrato della bellissima Chiesa di San Rocco sulla strada per la Valfontana e San Bernardo. Il selciato posato recentemente ed i restauri effettuati rendono il luogo particolarmente apprezzabile, ideale per il nuovo progetto mistico di Carlo Maver in Solo. Carlo ebbe  l’idea di realizzare una produzione adatta agli ambienti raccolti lo scorso anno quando si esibì per AmbriaJazz nella Chiesa di San Giorgio a Montagna. E’ la prima volta che il Festival propone un concerto in questo luogo così suggestivo. L’evento è organizzato in collaborazione con il Comune di Ponte in Valtellina e la Biblioteca Civica e si terrà anche in caso di pioggia.

Il 15 luglio sarà una giornata densa perché saranno ben due appuntamenti entrambi di grande valore e spessore: alle ore 18:30 sotto la Vigna Castello a Castione Andevenno si esibirà il grande violoncellista Giovanni Sollima con BA-ROCK, progetto musicale che abbraccia un percorso musicale dal Barocco al Rock. Giovanni Sollima è un vero virtuoso del violoncello. Suonare per lui non è un fine, ma un mezzo per comunicare con il mondo. È un compositore fuori dal comune, che grazie all’empatia che instaura con lo strumento e con le sue emozioni e sensazioni, comunica attraverso una musica unica nel suo genere. Il suo è un pubblico variegato e trasversale: dagli estimatori di musica colta ai giovani “metallari” e appassionati di rock, Giovanni Sollima conquista tutti. E’ un grande onore per AmbriaJazz ospitare Giovanni Sollima in una data del Festival. Per questo musicista così speciale è stato scelto un luogo altrettanto speciale: la Vigna Castello che era in stato di abbandono è infatti recuperata e rilavorata grazie alle squadre di operai del progetto +++SegniPositivi. A valorizzare ulteriormente il contesto, essendo in vigna, ecco che la scenografia sarà composta dalle installazioni montate su pali di vigna di Valerio Righini. In caso di pioggia l’evento si terrà presso l’Auditorium Leone Trabucchi, poco lontano.

Sempre Domenica 15 luglio alle ore 22:00 a Sondrio nel Piazzale del Convitto a Scarpatetti, in cima alla Salita Schenardi, grazie alla collaborazione con Scarpatetti Arte, sarà LUMINA, progetto di Marco Bardoscia contrabbasso Emanuele Maniscalco batteria harmonium Carla Casarano voce Leila Shirvani violoncello William Greco pianoforte. E’ un progetto realizzato con il sostegno del MIBACT e di S.I.A.E., nell’ambito dell’iniziativa “S’ILLUMINA – Copia privata per i giovani, per la cultura”. Leonard Choen in Anthem dice: “C’è una crepa in ogni cosa, è da lì che entra la luce” ed è così che si presenta il capolavoro “Lumina”, un tributo alla luce in cui ogni brano vi si ispira. Testi di Lella Costa ed Erri De Luca, Flavio Soriga ed Emily Dickinson, …

In caso di pioggia il concerto sarà tenuto all’interno del Convitto.

Venerdì  20 luglio alle ore 21:00  l’appuntamento sarà nel Parco delle Rimembranze ad Ardenno

presso le scuole elementari con PROG (Nostalgia Progressiva) del cantante Boris Savoldelli e la sua elettronica, con Maurizio Brunod alle chitarre e Giorgio Li Calzi alla tromba, tastiere ed elettronica. “NOSTALGIA, desiderio acuto di tornare a vivere in un luogo che è stato di soggiorno abituale e che ora è lontano” è la definizione cui si sono ispirati i tre musicisti che hanno messo in musica il loro “acuto desiderio di tornare a vivere” in quell’Inghilterra di fine anni ’60 che ha dato vita allo straordinario periodo del prog-rock e della psichedelia. L’evento è organizzato in collaborazione con Comune di Ardenno ed in caso di pioggia sarà tenuto nella vicina Sala Marvelli.

 

Programma e informazioni nel sito www.ambriajazzfestival.it   e nella pagina FB AmbriaJazz Associazione Culturale

 

AmbriaJazz Associazione Culturale

Via Paradiso,16  23026 Ponte in Valtellina – Sondrio

Cod. Fis. e P. IVA 00907560148

www.ambriajazzfestival.it

 

CS_LUMINA

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews