L’oratorio di Bormio in trasferta “teatrale”

Ci giunge un piccolo resoconto della performance teatrale dei ragazzi dell’oratorio di Bormio a Lovere, dove si sono esibiti il 20 maggio u.s. in occasione della ricorrenza delle Sante Patrone; anche se la notizia è un po’ “datata” ci fa piacere pubblicarla perché è una testimonianza di ciò che i nostri ragazzi sono in grado di fare e realizzare quando si mettono in gioco, soprattutto in un campo – quello del teatro – dove non è facile riuscire a superare le proprie paure.

 

“I ragazzi dell’oratorio, diretti dagli attori e tecnici della compagnia Quo Vadis, hanno portato in scena per la quarta la rappresentazione teatrale “Quella benedetta carità troppo mi piace” un’opera che racconta la storia delle due sante loveresi Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa. Il progetto, nato per festeggiare le nostre suore bormine di Maria Bambina, è diventato un vero e proprio spettacolo itinerante: da Bormio è approdato a Milano presso la casa generalizia e poi a Lovere, casa natia delle due sante.

L’intera compagnia è giunta a Lovere sin dal sabato mattina per l’allestimento delle scenografie. Dopo aver soggiornato all’Oasi Capitanio i ragazzi sono andati in scena nella domenica pomeriggio. 

L’opera ha riscosso molto successo ed è già piombata sul tavolo della compagnia una richiesta per una nuova messa in scena che, probabilmente, avverrà tra qualche mese. Intanto tutto lo staff sta già pensando ad un nuovo progetto per la prossima stagione. Restate aggiornati!”

Simone

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews