A REZIA CANTAT IL MEGLIO DEL CANTO CORALE ITALIANO E SVIZZERO

Quando mancano soltanto sedici giorni all’apertura di Rezia Cantat, venerdì 8 giugno, quanto è stato anticipato inquadra le dimensioni di un evento mai visto in provincia di Sondrio che colpisce per i numeri ma che si esalta nella qualità della proposta. Oltre diecimila le presenze attese, già ripartite fra alberghi e bed and breakfast della Valchiavenna, della Valtellina e dell’Alto Lario. La causa di forza maggiore, la frana a San Giacomo, è stata aggirata dagli organizzatori che hanno trovato nelle strutture alberghiere dell’alto lago di Como gli ideali sostituti. Sommando i 3682 coristi a maestri, accompagnatori e appassionati si raggiunge e si supera anche troppo facilmente la cifra indicativa di diecimila: una folla mai vista, tutta insieme, tra Chiavenna e Piuro. Le indicazioni numeriche sono anche più vistose se si considerano i 130 cori e le 60 ore di concerti: l’occasione per applaudire il meglio del canto corale tra Italia e Svizzera.

Rezia Cantat è un inedito che trae le sue origini da parte italiana dal Meeting In Canto e da parte svizzera dalla festa cantonale dei Grigioni per una sublimazione del canto corale che per intensità raggiungerà vette mai toccate. La vicinanza di due cori, il Viril Samedan e l’Eco del Mera, e l’amicizia dei due maestri che sono anche i sindaci di Piuro, Omar Iacomella, e Samedan, Jon Fadri Huder. Dalle parole ai fatti, tra sogno e realtà, il progetto di Rezia Cantat ha preso forma ed è stato modellato giorno dopo giorno, in lunghi mesi di lavoro appassionato, per diventare quello che è oggi, ancora sulla carta, e quello che sarà l’8, 9 e 10 giugno.

In un programma che vive di esibizioni davanti agli esperti e di concerti, canto con giuria o libero, spiccano i concerti di gala, 14 in tre giorni, con il meglio di ciò che il canto corale oggi è in grado di esprimere. La Sat di TrentoVôs de MontCoro UtSunshine Gospel Choir e i cori giovanili Italiano, Svizzero e Grigione, sono le vere attrazioni di Rezia Cantat, l’esaltazione del bel canto. Appuntamenti che si sovrappongono l’uno sull’altro, da due a cinque in contemporanea, poiché le singole sedi, San Lorenzo, Santa Maria, piazza Crollalanza, l’ex convento dei Cappuccini e San Fedele a Chiavenna, palazzo Vertemate Franchi e le cascate dell’Acquafraggia a Piuro, non potrebbero ospitare tutti gli appassionati accorsi per Rezia Cantat.

La carovana corale delle Alpi, promossa da Usci Sondrio e dall’Unione cantonale di canto grigione, è sostenuta dai Comuni di Chiavenna e di Piuro, dalla Comunità Montana della Valchiavenna, dal Consorzio Bim, dalla Provincia di Sondrio e dalla Regione Lombardia e coordinata dal Consorzio turistico per la promozione della Valchiavenna.

Emanuela Zecca
Ufficio stampa Rezia Cantat

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews