Il 23 e il 26 maggio a Poschiavo le iniziative curate dalla Pgi in ricordo di padre Camillo De Piaz

Proseguono con successo le iniziative promosse dal Comitato onoranze per i cento anni dalla nascita di padre Camillo De Piaz iniziate il 15 febbraio in Municipio a Tirano con la presentazione del programma, la mostra bibliografica delle opere, di e sul religioso tiranese e lo spostamento in piazza della basilica del panello di bronzo di Valerio Righini che lo ritrae insieme al confratello Davide Turoldo e al cardinale Carlo Maria Martini. Le iniziative sono proseguite con la proiezione del film di Ermanno Olmi “Sono uno di voi” presentato dallo sceneggiatore Marco Garzonio; con il convegno di studi, la cartolina, l’annullo filatelico; il concerto “È passato di qui” con canti e musiche del coro Novum Canticum diretto da Ebe Pedretti, tenuto in basilica; l’incontro “Ricordare Camillo” a Sotto il Monte e un incontro fuori programma al convento dell’Annunciata di Rovato. Il concerto del coro Novum Canticum sarà replicato nel Nuovo Monastero di Poschiavo mercoledì 23 maggio alle 30.15.

Le due prossime iniziative avranno luogo a Poschiavo sabato 26 p.v. con lo spettacolo di e con Giuseppe Cederna intitolato “Le mille anime di padre Camillo. Il lievito di un maestro” che si terrà nel Vecchio Monastero di Poschiavo (ore 16,30). Seguirà, nella sala esposizioni della Pgi, l’inaugurazione della mostra fotografica “Camillo: una storia”. Le due iniziative sono l’omaggio della Pro Grigioni Italiano ad un grande amico della Valle di Poschiavo, che quasi si identificava nel fratello maggiore morto, che vi aveva abitato con i genitori, ma poi c’erano vecchi amici di famiglia, come il prof. Remo Bornatico, o i suoi, come Wolfgang Hildesheimer, il pastore Papacella, Franco Pool, Paolo Pola.

Sabato 26 sarà il figlio del grande amico di padre Camillo, Antonio Cederna, l’attore Giuseppe, a rievocarne la figura nello spettacolo che gli dedicherà.

La mostra, che Rimarrà aperta dal 26 maggio al 10 giugno, è stata curata da Valerio Righini, Laura Novati, Bruno Ciapponi Landi, Giovanni Ruatti ed è stata realizzata con un centinaio di fotografie che scandiscono i tempi e i luoghi della vita del religioso. Un intero settore è dedicato alle fotografie scattate nei Grigioni. Mostra e spettacolo costituiscono il prezioso dono della Pgi Valposchiavo, un omaggio all’amicizia con padre Camillo e con Tirano, che consentirà, fra l’altro, successivi allestimenti

Per l’occasione sarà presentato il libro “Camillo, una storia” (lo stresso titolo della mostra) curato da Laura Novati, che riunisce le foto della mostra, le relazioni tenute al convegno da Marco Garzonio, Mariangela Maraviglia, Aldo Bonomi, Piergiorgio Evangelisti, Paolo Tognina, Cecco Bellosi  e i padri Antonio Santini  e Francesco Rigobello. Sono stati aggiunti: una testimonianza di Giuseppe De Rita e uno stralcio della tesi di laurea di Michela Nava su padre Camillo. In premessa gli interventi ufficiali, del presidente della Pgi, del Sindaco di Tirano (che presiede il Comitato onoranze di cui è presidente onorario il cardinale Francesco Coccopalmerio), dell’assessora alla Cultura (che lo coordina). Agile ed elegante, Il volumetto di 200 pagine, reca in copertina un’opera raffinata dell’artista polacca Alina Kalczynska (vedova del noto editore milanese Vanni Scheiwiller) e si presenta invitante per la lettura.

 

bcl

 

approfondimenti

http://www.camillodepiaz.it/

https://www.facebook.com/CentenariopadreCamilloDePiaz/

 

 

CS_Cederna

 

 

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews