IL BASKET TROVA CASA ANCHE A BORMIO

Entro in palestra che l’ora di allenamento è pressoché terminata e i bambini sono già sciamati a casa. Restano solo due aficionados che proprio non ne vogliono sapere di mollare la palla arancione e continuano imperterriti a giocare sotto canestro. Uno è il nostro Mariano, che si è fatto trascinare entusiasticamente in questa iniziativa, l’altra è Giulia, un peperino sempre sorridente nonché figlia di Franco. Franco Ravinetto da Biella ha giocato per 20 anni e poi è passato dall’altra parte, sulla panchina, dove ha allenato le giovanili di pallacanestro fino alla serie C.

Attutitosi un po’ col tempo il sacro fuoco del basket, ci ha pensato la figlia Giulia a riattizzare la passione: quando lei ha iniziato a prendere in mano la palla a spicchi e ad allenarsi Franco è ridisceso in campo ed ora si divide tra Bormio (dove ha scelto di abitare) e Sondrio (dove gioca la figlia), senza contare le trasferte di ogni tipo che lo portano in giro per la Lombardia e l’Italia. L’idea di fare un corso di avviamento alla pallacanestro in Alta Valle è venuta un po’ per caso: dapprima si è proposto per fare qualche ora a scuola, sulla base di un progetto che la Federazione Italiana Pallacanestro promuove a livello nazionale (“EASYBASKETinCLASSE”, che Franco ha realizzato con le classi III, IV, V elementari e con le I medie), poi ha lanciato l’idea di un corso vero e proprio al di fuori della scuola. Ebbene, le adesioni hanno superato le 30 unità! Ragazzi dal 2006 al 2009, divisi tra Bormio e Isolaccia, per 8 settimane di lezioni; tutti curiosi di approcciarsi a questo sport “rude” ma appassionante (chi non ha mai sognato di volare come il mitico Michael Jordan?). A Bormio, in effetti, Franco sta colmando una lacuna sportiva e rimediando a un grande paradosso, perché il paese è stato (ed è tuttora) la culla di grandi eventi che sono partiti proprio dal basket e dalla lungimiranza di Diego Pini (il Valtellina Basket Circuit è partito nel lontano 1983)…eppure la pallacanestro non ha mai attecchito come settore sportivo…sarà questa la volta buona? Franco non si espone troppo, ma intanto ha già partecipato a un piccolo torneo a Livigno, accompagnerà i ragazzi al trofeo Bulgheroni, organizzerà al Pentagono una festa sportiva per la fine del corso e in più ha convinto 5 ragazzi a partecipare al corso allievi allenatori!

 

 

 

Anna

 

 

 

 

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews