Il Ciclismo targato USB chiude il 2017 e guarda già al 2018

A metà dicembre il settore Ciclismo dell’US Bormiese chiama a raccolta i suoi associati per la grande festa di chiusura stagione: un’occasione per salutarsi e per fare il punto dell’annata appena conclusa, nel consueto stile allegro e festoso con cui i ciclisti dell’Alta Valle – e in primis il suo Presidentissimo Mario Zangrando – amano ritrovarsi. Poche lungaggini burocratiche e poche chiacchere superflue: Mario ha rimarcato brevemente alcune circostanze meritevoli (ad esempio, al termine della Nove Colli, la premiazione quale seconda Società in termini numerici fra tutte quelle partecipanti alla categoria 200 km, risultato ottenuto grazie all’apporto delle nostre donne iscritte) e gli appuntamenti imperdibili del 2018 per tutti gli appassionati delle due ruote: dalla Santini alla Golazo, dalla Haute Route alla Re Stelvio Mapei fino alla new entry “Alpi 4000”, una manifestazione ciclistica mondiale (Randonnée) della lunghezza di 1500 km (20000 mt di dislivello per due diversi brevetti) che tocca tutto il Nord Italia e in parte anche la Svizzera, a cui attualmente sono già iscritti più di 500 ciclisti che provengono addirittura da Taiwan, Singapore e dalla Tailandia!!

Il ciclismo è ormai diventato parte integrante e fondamentale del nostro sistema turistico e l’US Bormiese ha dato e continua a dare un contributo essenziale in termini di sviluppo e di promozione. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza quel motore chiamato “passione”, che è quello che tuttora consente all’US Bormiese di organizzare eventi di richiamo internazionale. Il secondo ingrediente si chiama “fede” e non è altro che il saper credere nelle nostre potenzialità: turistiche, paesaggistiche, comprensoriali.

 

 

 

 

Anna©riproduzionevietata

 

 

20171216_225438 20171216_230126 20171216_230634 20171216_230636 20171216_230827

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews