Bilancio dei giochi nazionali Special Olympics di Biella

Dal 3 all’8 luglio 2017 si sono svolti a Biella i Giochi Nazionali Special Olympics di bocce. Gli atleti di Handy Sport Livigno non hanno voluto mancare a questo appuntamento ed hanno partecipato con un nutrito gruppo di ragazzi: erano ben 16, accompagnati da una decina fra tecnici, volontari, familiari ed educatori. La trasferta è stata piacevole e divertente; gli atleti hanno giocato bene anche se hanno avuto molte difficoltà ad abituarsi al terreno di gioco, visto che si allenano solitamente su campi sintetici. Hanno giocato in coppia e si sono così classificati:

CHIARA BORMOLINI           DANIELE RODIGARI          2° posto, medaglia d’argento

SARA DELLA VALLE           GIORGIA GIACOMELLI     2° posto, medaglia d’argento

SIMONE MOLLEA                WALTER MAGATELLI       3° posto, medaglia di bronzo

DANIELE BERBENNI           LAURA MAGATELLI          4° posto

DIEGO COLTURI                 BEPA MERALDI                  4° posto

DOMENICA BORMOLINI     RINA MERALDI                 4° posto

FRANZ CONFORTOLA        DARIO GALLI                     4° posto

LUCIA GALLI                        EMILIO CARNEVALI         5° posto

I risultati sono stati più che lusinghieri, anche se i tecnici ROMEO FALCIONE e GIANCARLO BASSI hanno sempre

Insegnato ai ragazzi ad accettare le sconfitte, pur giocando al massimo delle possibilità. Particolare attenzione hanno voluto dare – come sempre – all’importanza del rispetto verso gli avversari e al corretto comportamento in campo, anche verso gli arbitri. L’unico grande neo di questo bellissimo soggiorno è stato il caldo eccessivo, che ha provato le forze di tutti, e le fastidiosissime zanzare che hanno “martoriato” il corpo. Fortunatamente il gruppo era alloggiato nell’albergo del Santuario San Giovanni d’Andorno, posto a 1020 metri di altitudine, il che ha consentito almeno durante la notte di godere di un po’ di frescura! Fra tutti i partecipanti si è instaurato un bel clima di amicizia e di collaborazione; al di là del gioco, le trasferte sono una importante occasione di socializzazione e di crescita per tutti. Ciò non sarebbe possibile senza la disponibilità a mettersi in gioco e ad accettare le difficoltà che man mano si presentano.  Un grazie di cuore quindi ai volontari, ai familiari e ai tecnici che credono fermamente nella validità di queste iniziative.

Carla Martinelli

 

img_5629 img_5647 img_5688 img_5839 img_5901 img_5921 img_5951

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews