Ester Ledeka, 22 anni dalla Repubblica Ceka: a lei il 21° premio Baumgarten

Studio, profitto, buone doti sportive: in un concetto, la capacità di unire e far fruttare insieme lo studio e la pratica sportiva. Matteo Baumgarten era riuscito a farlo diventando per molti – e non solo per i suoi “Soci” con i quali ha condiviso tante esperienze – un modello possibile, sopratuutto in na realtà dove lo sport è un importante valore aggiunto.
Purtroppo, poco più di vent’anni fa, un grave incidente sulle strade americane se l’è portato via lasciando un grande vuoto. La famiglia, di concerto con diverse istituzioni e realtà dell’Alta Valtellina, ha deciso di non lasciare questo vuoto e di dedicare a lui una borsa di studio destinata a chi, secondo le proposte delle federazioni sportive, meritasse un riconoscimento proprio per i risultati sportivi e per la carriera scolastica. L’edizione 2017 (la 21^), con 24 segnalazioni da tutto il mondo, ha premiato Ester Ledeka, 22 anni dalla Repubblica Ceka

Autorità Lionistiche, Civili, Militari, Gentili Signore, Graditi Ospiti, Cari Soci…
Sono orgoglioso ed onorato, sia in qualità di Presidente del Lions Club Bormio che di papà, di
poter introdurre questa serata, durante la quale, per la ventunesima volta, ci accingiamo a consegnare il Premio Internazionale istituito per ricordare Matteo. Il Premio è nato nel lontano 1996 ed è cresciuto con il patrocinio e la collaborazione della Federazione Internazionale Sci, che ha sempre condiviso ed appoggiato l’iniziativa.
Sicuramente quando abbiamo deciso di affrontare questo cammino non pensavamo di andare così lontano, tuttavia non abbiamo mai smesso di credere alla bontà del progetto ed abbiamo continuato a sognare nonostante le difficoltà incontrate. E più volte abbiamo condiviso le parole del grande poeta brasiliano Paulo Coelho che, con grande semplicità, sosteneva che “molto spesso, durante la nostra esistenza, vediamo i nostri sogni delusi e i nostri desideri frustrati, ma dobbiamo continuare a sognare, altrimenti, la nostra anima muore”. E il progetto, concepito dopo una vicenda terribile e dolorosa, è diventato realtà e, anno dopo anno, è cresciuto e si è consolidato attraverso questo appuntamento ricco di affetti e di umanità.
Questo è stato possibile grazie a tutti coloro che, nel corso di questi anni, ci hanno sostenuto: il Lions Club Bormio, i Club della Zona, le Autorità, gli Amici.
Un ringraziamento particolare e riconoscente alla Fondazione Pro Valtellina, alla Comunità Montana Alta Valtellina, al BIM dell’Adda, al BIM dello Spöl, alla Banca Popolare, che, in questi anni, hanno contribuito e continuano a contribuire al finanziamento dell’iniziativa. Un pensiero particolare allo studio Cavazzi di Bormio e alle Cantine Nera per la preziosa collaborazione.
Lo scorso anno, proprio per rendere omaggio al grande amore per il sapere e la cultura che sempre hanno accompagnato l’impegno agonistico e sportivo di Matteo, abbiamo avuto come ospite un degno rappresentante del mondo accademico universitario, che, con un intervento raffinato e culturalmente molto profondo ci aveva proposto alcune riflessioni relative alla vita e alle esperienze di Matteo e dei giovani in genere. Ebbene anche quest’anno ha espresso il desiderio di essere con noi per riprendere e concludere il discorso iniziato lo scorso anno. Come quasi tutti già sapete, è titolare della cattedra di Storia Moderna presso l’Università Cattolica di Brescia, si occupa di temi relativi alle istituzioni politico-ecclesiastiche e socio-economiche dei secoli XVI-XVIII. Con grande piacere saluto un caro amico e compagno di studi, il Prof Daniele Montanari.
Dal 2015, su proposta della FIS, il bando prevede la possibilità per gli atleti studenti di tutte le discipline (sci alpino, sci nordico, salto con gli sci, combinata nordica, snowboard e freestyle) di
presentare la domanda di partecipazione. Questo ha confermato anche per la XXI^ edizione,
l’incremento delle segnalazioni,che hanno raggiunto il numero di 24 da tutte le parti del mondo.
La vincitrice dell’Edizione 2016 è, per la prima volta, un’atleta che pratica contemporaneamente lo sci alpino e lo snowboard. È nata a Praga (Repubblica Ceca) il 3 marzo 1995, è iscritta alla facoltà di Economic Studies dell’University of Finance and Administration di Praga dove segue con profitto gli studi. Pratica l’attività dello sci alpino e dello snowboard a livello agonistico e nella stagione 2015/2016, ha partecipato al circuito di gare FIS di coppa del mondo sia di sci alpino che di snowboard, ottenendo risultati più che apprezzabili: ESTER LEDECKA.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews