Primarie Pd in Valtellina, il segretario Curti: “impegno e passione per la democrazia”

“Alle primarie del Partito votato oltre 2500 persone in tutta la provincia, un risultato importante nonostante il ponte del primo maggio e la crisi di credibilità dei partiti tradizionali. Si conferma una base solida di elettori che ha voluto scegliere il Segretario del Partito con le primarie aperte” ha dichiarato il segretario provinciale del Partito democratico Giovanni Curti a margine delle elezioni per il nuovo segretario del Partito democratico.
Domenica è stata anche rinnovata l’Assemblea Nazionale del Partito democratico, che resta in carica quattro anni e che si radunerà il 7 maggio a Roma: tra gli otto rappresentanti eletti nel collegio Lecco-Sondrio ci sono due donne valtellinesi: Irene Bertoletti e Donatella di Zinno, entrambe nella lista Avanti insieme di Matteo Renzi. “Siamo molto contenti di questo risultato, che è stato possibile solo grazie alla straordinaria mobilitazione di oltre 120 volontari in tutta la provincia che hanno garantito l’apertura di 20 seggi e la regolarità di tutte le operazioni di voto. Il mio ringraziamento va soprattutto a loro, che hanno messo passione e impegno e dedicato la domenica a questa bella festa di democrazia. Ora avanti insieme con le sfide che ci aspettano nel prossimo futuro: ridare una prospettiva al paese, ricucire il rapporto con gli elettori che si sono allontanati in questi anni, ridare speranza ai giovani con argomenti seri – ha concluso il segretario dem -. L’unità del Partito democratico è fondamentale per rilanciarne l’azione, per ascoltare i bisogni dei cittadini, per portare  avanti il miglior riformismo europeo. C’è ancora molto lavoro da fare, certo bisogna riflettere sugli errori fatti ma la partecipazione di Domenica rappresenta una iniezione di fiducia per il futuro del partito e del Paese”.
“Siamo contenti del risultato ottenuto da Andrea Orlando in Valtellina e in Valchiavenna, in linea con la media raggiunta dalla mozione a livello nazionale” ha dichiarato Loris Cantoni, responsabile provinciale del Comitato Orlando. “Nel collegio Lecco-Sondrio la mozione ha eletto due rappresentanti in Assemblea nazionale: purtroppo nessuno dei due proviene dalla nostra provincia, ma si tratta comunque un ottimo risultato. Ora ci mettiamo come sempre a disposizione del PD, con la passione e la forza delle nostre idee e l’obiettivo di continuare a lavorare non solo per l’unità del Partito democratico, ma di tutto il Paese. C’è molto da fare e sono davvero tante le sfide che ci aspettano”.
“L’ottimo risultato della mozione Renzi in provincia è la testimonianza del buon lavoro svolto sul territorio a partire dal lancio del primo comitato Renzi, alle primarie del 2012 – hanno dichiarato Federico Gusmeroli e Michele Bernardi, coordinatori provinciali della mozione Renzi -. Il Partito democratico in questi anni si è assunto sulle spalle la responsabilità di governare e fare le riforme, con il coraggio di dire che ci vuole più Europa e più attenzione alle classi deboli, ma anche un percorso serio di ammodernamento e sviluppo del nostro Paese. Inevitabilmente il nostro Partito e il Governo Renzi sono stati avversati da quanti, anche legittimamente, pretendono non cambi mai nulla o che – se proprio va riformato qualcosa – si parta sempre dagli “altri”. Ora bisogna lavorare insieme per continuare nel percorso di riforma del nostro Paese, rivedendo alcune modalità di ascolto, confronto e condivisione per non rischiare di compromettere gli importanti risultati ottenuti, ma senza perdere la nostra natura e la nostra spinta riformista: non c’è alternativa al futuro”.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews