Ci sono tutti i passi di montagna del mondo. E poi c’è lo Stelvio

Lo Stelvio non è solo un passo alpino, è la salita più bella del mondo. Dopo averla conquistata a colpi di pedale grazie ai consigli di un ex gregario di Pantani, diventi un altro uomo.

Ci sono tutti i passi di montagna del mondo. E poi c’è lo Stelvio. 48 tornanti di sofferenza e beatitudine. Ogni giorno centinaia di ciclisti superano il cartello “Prato allo Stelvio” e hanno davanti 25 chilometri e 400 metri al 7,25% di pendenza media e soprattutto 1.842 metri di dislivello con arrivo a 2.758 metri, altitudine più adatta allo sci che alle due ruote. Ma lo sforzo diventa sempre meno intenso col passare dei chilometri per il motivo più semplice: quella strada è probabilmente la più bella del pianeta. Talmente speciale da avere il potere di cambiare la vita di chi riesce a vedere il mondo da lassù.
L’autore racconta la sua impresa in prima persona, descrivendo la salita con i racconti della piccola tribù dell’Hotel Zentral, i romagnoli innamorati della bici, le perle di nonna Alba, la veranda sotto la quale scattò il Pirata e i dialoghi immaginari con il genio che ha disegnato il versante altoatesino: l’ingegner Carlo Donegani, “il progettista dell’impossibile”.
Questo è il versante altoatesino; ma anche quello valtellinese non è scevro di emozioni con i suoi 40 tornanti protagonisti nella nutrita serie di scalate della stagione estiva…

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews