Aree interne: firma dell’accordo quadro per gli interventi in Valchiavenna

“Con la firma dell’Agenzia per la Coesione territoriale e quelle del direttore regionale Manuela Giaretta e del sindaco capofila Luca Della Bitta, anche l’attesa sottoscrizione dell’Accordo quadro di sviluppo territoriale della Valchiavenna, all’interno della Strategia nazionale Aree Interne, si può considerare prossima alla conclusione”. Commenta così il sottosegretario Ugo Parolo, sottosegretario alla Politiche per la Montagna, l’avvio della sottoscrizione dell’Accordo di Programma Quadro (APQ) Area Interna Valchiavenna.
“Si tratta – continua Parolo – di un progetto che mette a disposizione del territorio interessato quasi 22 milioni di euro, di cui 3,74 milioni provenienti dallo Stato, 2,14 milioni da risorse locali e oltre 16 milioni da risorse di Regione Lombardia. Col finanziamento della Strategia Area Interna, la Valchiavenna qualifica la sua offerta turistica, identificandosi come un territorio in grado di offrire prodotti turistici modellati per le famiglie, riadattando il modello di accoglienza alle nuove esigenze del contesto familiare. Con questa strategia si punta fortemente anche alla valorizzazione delle imprese della Valchiavenna, con una particolare attenzione alle imprese turistiche, per le quali è stato ottenuto un rilevante impegno dell’Assessorato competente”.
QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI – “Le risorse che, con la sottoscrizione dell’Accordo di Programma Quadro, lo Stato mette definitivamente a disposizione della Valchiavenna – spiega il sottosegretario –
sono fondamentali, perchè consentiranno di investire nei cosiddetti ‘servizi essenziali di cittadinanza’; vengono potenziati i servizi ai residenti, con riguardo agli istituti scolastici di primo e secondo grado, che potranno così migliorare la propria offerta formativa anche in rapporto alle vocazioni territoriali della Valchiavenna. È inoltre finanziato un importante progetto in capo alla Asst della Montagna che consente il consolidamento e la qualificazione dei servizi di cura a livello extra ospedaliero, in particolare per le fasce deboli e residenti nelle fasce più distanti dal presidio di Chiavenna. Infine si implementano i servizi di trasporto pubblico locale attraverso un progetto di mobilità sostenibile in capo all’Agenzia dei trasporti della Provincia di Sondrio”.
PROSSIMI PASSI – “Nei prossimi giorni – conclude Parolo – seguiranno le firme dei Ministeri coinvolti ed entro Pasqua anche le risorse provenienti dallo Stato saranno disponibili per i beneficiari della Valchiavenna. Stiamo già lavorando a pieno ritmo con la Comunità Montana e i soggetti beneficiari per i progetti legati allo sviluppo dei prodotti turistici, per la formazione e sono in procinto di essere pubblicati i bandi relativi alle imprese. Auspichiamo che prima dell’estate sia data piena attuazione anche ai progetti relativi ai servizi finanziati con le risorse statali”.
“È certamente una delle firme più pesanti e importanti che io abbia avuto modo di apporre. Lo è non solo per il valore economico, ma soprattutto perchè consegna alla Valchiavenna una strategia per il futuro con le risorse per attuarla. Per i nostri giovani, per le imprese, per il territorio – dichiara il sindaco di Chiavenna Della Bitta -. Come sindaco di Chiavenna, Comune capofila, sono orgoglioso di questo traguardo. Ora tocca a tutti i soggetti fare del proprio meglio per realizzare i progetti. Un ringraziamento particolare alla Comunità Montana della Valchiavenna, che ha lavorato moltissimo in questi anni insieme alla consulenza tecnica di Poliedro e a Regione Lombardia nelle persone del sottosegretario Parolo e di Alessandro Nardo. Aree interne sono un esempio concreto di quanto potrebbe essere forte e premiata la Valchiavenna lavorando come un Comune unico”.

(Lnews)

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews