Poste: entro 30 giorni un piano per la distribuzione per superare problemi e disguidi

Poste Italiane, in trenta giorni, presenterà alla Conferenza unificata un piano per riorganizzare la distribuzione della corrispondenza a giorni alterni. Un progetto che dovrà superare le emergenze causate in oltre 5.000 Comuni italiani con la consegna di giornali e lettere solo 5 giorni su 15 (10 al mese). La proposta è stata fatta dal Ministro Enrico Costa all’azienda e fortemente sostenuta da Uncem che ha sempre chiesto a Poste un impegno maggiore per le aree montane, vista anche la mobilitazione di moltissime Amministrazioni comunali che continuano a opporsi alla riduzione dei servizi.
“Crediamo che Poste non possa continuare con le strategie di riduzione della presenza e delle opportunità nelle aree interne del Paese, come ha fatto finora – spiega l’on. Enrico Borghi, presidente nazionale Uncem -. Bene ha fatto il Ministro Costa a dare tempi stretti all’azienda e a chiedere anche un impegno economico per l’attivazione di nuovi servizi. Sulla consegna nei piccoli Comuni, nei borghi di Alpi e Appennini abbiamo segnalato opportunità per superare i giorni alterni. La domiciliazione presso cassette postali comuni ad esempio o la maggiore interazione con enti locali e associazioni”.
“Abbiamo chiesto all’azienda, ancora una volta – dichiara Marco Bussone, vicepresidente Uncem Piemonte – di essere vettore di servizi digitali e attivare nuovi postamat, ma anche organizzare i servizi di tesoreria per Comuni e Unioni, di aprire sportelli multiservizio. Ora Poste ha trenta giorni per rispondere al Ministro. Faremo proposte e vigileremo”.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews