Lombardia, anziani e disabili: prorogati i termini per le misure di sostegno

“Abbiamo deliberato di posticipare le scadenze relative alla raccolta delle domande da parte degli Ambiti Territoriali per quanto riguarda le misure volte ad assicurare l’autonomia personale e relazionale delle persone anziane e a sostenere percorsi di autonomia e inclusione sociale delle persone disabili, affinché il maggior numero di persone possa venire a conoscenza ed accedere ai servizi previsti da questo provvedimento”. Lo ha dichiarato l’assessore di Regione Lombardia al Reddito di Autonomia e Inclusione Sociale Francesca Brianza.

RISPONDERE AI BISOGNI – “Con questo provvedimento – dichiara l’assessore – intendiamo proseguire nelle azioni messe in campo da Regione Lombardia a protezione delle persone più fragili, rendendole ancora più capillari e rispondenti ai bisogni dei cittadini, attraverso l’erogazione di due tipologie di voucher mensili che contribuiranno ad assicurare l’autonomia delle persone anziane e l’inclusione delle persone con disabilità”.
PROROGA DI DUE MESI – “Nello specifico – prosegue – abbiamo deciso di posticipare la scadenza relativa alla raccolta delle domande da parte dei 98 Ambiti Territoriali dal 13 gennaio al 13 marzo 2017. Con questi due mesi ulteriori andiamo ad implementare gli interventi volti a migliorare la vita delle persone e a irrobustire la cooperazione tra Istituzioni, Comuni, Ambiti Territoriali e Organizzazioni che collaborano, in proficua sinergia, alla promozione dell’inclusione sociale delle
persone”.

(Lnews)

M5S Lombardia. Un contributo regionale straordinario
per le spese trasporto alunni disabili

Il M5S Lombardia ha depositato una mozione urgente per chiedere alla Regione Lombardia di erogare “un contributo straordinario per coprire la mancanza di risorse finanziarie necessarie a garantire il trasporto scolastico e gli assistenti alla comunicazione degli alunni disabili “per permettere loro di concludere l’anno scolastico 2016/2017. Il Movimento chiede anche che le Province e la Città Metropolitana di Milano forniscano urgentemente alla Lombardia i dati esatti e puntuali delle risorse necessarie a questo scopo.
Paola Macchi, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara: “Questa vicenda si trascina da troppo tempo, proprio per questo torniamo a proporre un’ azione necessaria per garantire il diritto allo studio agli studenti disabili della Lombardia.
A dicembre, grazie a una mozione del M5S, il Consiglio regionale ha invitato la Giunta Maroni ad assumere, dal prossimo anno scolastico, le deleghe, ora in capo a Provincie e Città metropolitana, per il trasporto e l’assistenza scolastica dei ragazzi disabili in modo da consentire una programmazione efficace e sufficiente dei finanziamenti.
I fondi stanziati dal Governo purtroppo risultano insufficienti rispetto alle reali necessità. In Lombardia servirebbero circa 30 milioni di euro, ne mancano all’appello una decina che la Regione deve trovare, senza se e senza ma; una recente sentenza della Corte costituzionale ha infatti Corte Costituzionale dichiarato incostituzionale la dipendenza dei servizi necessari agli studenti con disabilità dalle disponibilità economiche dell’ente competente. Senza un finanziamento straordinario molte famiglie, che già affrontando quotidianamente le difficoltà della disabilità, si troveranno ulteriormente discriminate in una regione che si vanta sempre della sua eccellenza, ma quale eccellenza per i disabili?”.

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews