“Amici della Musica” Sondalo e CID Sondrio: parte la nuova stagione

Il primo appuntamento al Teatro Sociale di Sondrio della 54^ Stagione “Amici della Musica” e CID è per venerdì 4 novembre 2016, ore 20.45 con la prestigiosa Wiener Concert-Verein Orchestra e un programma molto stimolante: la Sinfonia n. 44 di Franz Josef Haydn, , il Concerto per fagotto, orchestra d’archi e basso continuo di Carl Philipp Emanuel Bach, la Sinfonia n. 29 di Wolfgang Amadeus Mozart, K. 201 e la Suite n. 2 per fagotto, chitarra e orchestra d’archi di Raffaele Bellafronte, uno dei compositori contemporanei presenti nel ricco cartellone 2016-2017.
Attenzione al nome di Bach: Carl Philipp e non Johann Sebastian! Si tratta infatti di uno dei numerosi figli dell’assai più celebre Bach, ma anche lui musicista di talento che seppe intuire e diffondere i primi elementi artistico-culturali del romanticismo europeo nonostante gli indissolubili legami col classicismo. La sinfonia mozartiana è invece molto personale sia nel tono che nelle caratteristiche di musica da camera, a fronte della tempra ardente e impulsiva del genio salisburghese.
Bellafronte (abruzzese, classe 1961) ha varcato i patrii confini per approdare in sale e teatri di prestigio quali la Carnagie Hall di New York, che nel 1996 gli commissionò la partitura “Oasi alla mente”.
Il direttore tedesco Ulf Schirmer è artista di grande spicco nell’attuale panorama musicale internazionale ed è certamente motivo di vanto averlo a Sondrio nella attuale stagione concertistica. Ha studiato al Conservatorio di Brema e presso la Hochschule für Musik und Theater di Amburgo con György Ligeti e altri musicisti di rango. È stato assistente del grande Lorin Maazel e ha diretto presso lo Staatsoper di Vienna importanti lavori come “Un re in ascolto” di Luciano Berio, “Erwartung” di Arnold Schoenberg e “Raymonda” di Alexander Glazunov. Dal 2006 dirige l’Orchestra della Radio di Monaco di Baviera e oggi è Direttore Musicale Generale dell’Opera di Lipsia.
Quanto al repertorio dei Wiener Concert-Verein (orchestra fondata nel 1987 dai Wiener Symphoniker), esso spazia dalle opere orchestrali dei compositori classici viennesi alla musica contemporanea. Nel 2005 la registrazione di Michael Haydn con la Wiener è stata candidata all’Amadeus Classic Award , in competizione con le registrazioni delle Filarmoniche di Vienna e Berlino.
Il fagottista Patrick De Ritis, nato in Francia ma cresciuto in Italia, si è esibito come solista e direttore con orchestre importanti. Oltre ad essere il primo fagotto solista dei Wiener Symphoniker, da oltre 20 anni è direttore artistico e fondatore di due gruppi di musica da camera di alto livello: “Concertino Vienna” e “European Wind Soloists”.
Il chitarrista 25enne Davide Di Ienno, nativo di Vasto, ha frequentato masters con Oscar Ghiglia, Lorenzo Micheli e vari colleghi stranieri. È stato solista della Staatsorchester Rheinische Philharmonie nel “Concierto de Aranjuez” eseguito a Coblenza. Nel 2995 ha visto pubblicato il suo primo CD: una monografia sulle composizioni per chitarra del Bellafronte. Da allora, tante prime: Tchaikovsky Hall di Mosca, Konzerthaus e Musikverein di Vienna, Scala di Milano, Parco della Musica di Roma…

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews