Aprica, grande Concerto di Mezza Estate, con mille persone presenti

Con il Concerto di Mezza Estate, Aprica si è data da qualche anno – precisamente quattro – un tono classico di prim’ordine. Anche l’edizione di sabato sera scorso dell’evento musicale clou di stagione ha confermato le attese, sia dal punto di vista dell’afflusso, sia da quello della qualità. Nel santuario di Maria Ausiliatrice stracolmo sono risuonate le note delle due notevoli compagini chiamate alla prova: i circa cinquanta elementi dell’Orchestra Gaetano Donizzetti diretta da Pierangelo Pelucchi e i sessanta della Corale SS Pietro e Paolo di Gessate, direttore Costante Ronchi. Entrambe, ça va sans dire, hanno assolto al compito di intrattenere le almeno mille persone presenti in maniera eccellente.
Celebri musiche di Charpentier (sua la nota melodia dell’Eurovisione), Vivaldi e Verdi sono state eseguite e cantate magnificamente, suscitando l’entusiasmo anche a scena aperta (non si dovrebbe, per non disturbare l’esecuzione). Alla fine, dopo l’immancabile bis, un omaggio da parte del sindaco Carla Cioccarelli a direttori e solisti, con il vicesindaco Bruno Corvi che si è riservato la consegna di uno sgargiante mazzo di fiori alla luminosa soprano Gabriella Locatelli Serio.
All’inizio della serata, la stessa Cioccarelli aveva spiegato la ragione della rosa rossa omaggiata all’ingresso a tutte le donne: un modo tangibile per ricordare il 70° anniversario dell’introduzione del voto universale femminile, che fu concesso nel 1946 dopo rivendicazioni e lotte durate decenni.

Antonio Stefanini

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews