“Fuori la crisi”, ecco il nuovo romanzo di Antonio Sisana

E’ uscito il sesto romanzo di Antonio Sisana, find edito da Edizioni Creativa di Viareggio, illness dal titolo se vogliamo attuale, ossia “Fuori la crisi”.

Uno scritto breve, una storia al limite tra fantasia e realtà che però vuole essere fortemente quotidiano nelle sue tematiche. Abbiamo chiesto di illustrarcelo all’autore.
– Di cosa parla?
E’ una storia che racconta di un uomo, Oiram, che lascia il suo eremitaggio; di una nazione, Ailati, in piena crisi economica e sociale; di una classe politica in difficoltà di fronte ad una popolazione che non ne può più dei suoi soprusi; di un cambiamento sociale e interiore di tutti questi; della Montagna come luogo esteriore ed interiore.
– Quindi la crisi economica come argomento di fondo?
Possiamo dire così. La crisi economica fa da sfondo alla vicenda, ma con lo scopo di trovare nuove occasioni e nuove possibilità per la ripresa di valori importanti, lasciando ciò che in verità non ci fa felici. In fondo, forse, non è l’economia ad essere in crisi, ma l’essere umano moderno.
– E’ un romanzo che si differenzia da quelli precedenti?
Come ambientazione e tematica di base forse si, anche se in questo scritto ho sintetizzato molti concetti e ambiti che hanno contraddistinto alcuni dei lavori precedenti. Si cresce e si matura nella vita, ma c’è sempre qualcosa di noi che rimane profondamente costante dentro.
– Quando è nato e come si è sviluppato il romanzo?
Tutto è partito da una riflessione scritta anni fa sul mio moleskine, il diario ove annoto impressioni, idee, ispirazioni quando sorgono. Rileggendola mi ha condotto ad un racconto che poi si è prolungato in un breve romanzo. L’ho scritto nei ritagli di tempo dal lavoro in un periodo ritenuto propizio da varie tradizioni, ossia dal 25 dicembre al 6 di gennaio dell’anno scorso. Poi l’ho ripreso questa primavera e l’ho proposto ad alcune case editrici scegliendo l’Edizione Creativa di Viareggio.
– A chi si rivolge?
E’ sempre difficile dirlo. E’ uno scritto semplice, una storia leggera che nasconde però molti spunti di riflessione personale. Può essere letto tutto di un fiato nel giro di un’oretta, oppure meditato poco alla volta. Direi che è una lettura consigliata a chi ama romanzi che invitano a riflettere, a comunicare con quanto c’è dentro di noi, ma anche a chi piacciono le storie tra la fiaba e la realtà.
– Dove lo possiamo trovare?
Per ora è venduto e distribuito dalla casa editrice, ma nel breve sarà disponibile anche in tutte le librerie on-line. Lo si può trovare da subito nella maggiorparte delle librerie di Bormio e può essere richiesto da qualsiasi libreria nazionale. Ovviamente non è un best-seller e non è stampato da una grande casa editrice, per cui è più difficile trovarlo, ma basta darsi da fare.
– Un’ultima cosa. Cosa rappresenta per te la scrittura ed in particolare i romanzi che pubblichi?
L’editoria Italiana è una giungla, tra l’altro, a proposito, in grande crisi, per cui pubblicare non è difficile, ma lo è farlo con case editrici serie, oneste e che credono nell’autore. Spero questa volta di aver fatto la giusta scelta. Scrivere per me è un hobby, o meglio un modo per esprimere ciò che sento in base a ciò che vedo e vivo. Portare questo agli altri è stimolante, mi permette di confrontarmi e di comunicare in un modo diverso dal solito. E’ un’esperienza che mi piace e che mi riempie. Mi fa felice e questo per me è già tanto.

Antonio Sisana sarà ospite della Biblioteca di Bormio, mercoledì 30 luglio 2014 ale ore 21.00, per presentare il suo ultimo libro.

arn©redCultura

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews