Motoraduno anche di notte

Motoraduno anche di notte

SONDALO/STELVIO – E’ appena finito il 36° Motoraduno Stelvio International Metzeler sono state tre giornate all’insegna del bel tempo in cui abbiamo visto arrivare a Sondalo e al passo dello Stelvio migliaia di motociclisti.

Come ogni anno per noi organizzatori sono stati tre giorni intensi e pieni di lavoro ma anche di grande soddisfazione visto che le cose sono andate bene e nessuno si è fatto male. Dai rumori e dai passaggi sulle strade della provincia di Sondrio e sui valichi alpini di tutta l’alta Lombardia era lecito stimare in quasi 10.000 i partecipanti alla 36^ edizione del Motoraduno Internazionale dello Stelvio. Alla chiusura delle iscrizioni il responso ufficiale parla di 4.785 iscritti. “Una cifra in calo rispetto alla passata edizione – riconoscono gli organizzatori – ma a nostro parere le persone intervenute erano molte di più; la maledetta crisi che c’è ha fatto sì che molti scegliessero infatti di non iscriversi e pagare la quota di 20 euro, ma di partecipare comunque alla festa”. Ed a confermare questa impressione vi sono le ore di lavoro dei volontari e le presenze ai banchi ed agli stand oltre che alla parata delle luci. Ma anche coloro che abbiamo direttamente incontrato lungo la strada dello Stelvio, non ufficialmente iscritti, ma comunque parte della festa. Stiamo ai numeri ufficiali, raddoppiamoli senza problema in quanto a presenze racchiudendo anche il “pendolarismo motoristico valtellinese” e veniamo ai risultati dell’evento.

stelvioInternational2012_x01 stelvioInternational2012_x02 stelvioInternational2012_x03 stelvioInternational2012_x04 stelvioInternational2012_x05
Variegata la presenza straniera e italiana con praticamente tutte le regioni rappresentate. “Ci hanno raggiunto dalla Basilicata il Moto Club gli Angeli di Maratea e dalla Puglia il Moto Club Magna Grecia di Taranto – sottolinea il presidente del Moto Club Stelvio International Marco Muscetti -, abbiamo avuto diversi esordienti,. ma sono stati suprattutto gli amici a far se4ntire forte la loro presenza” .
Il conduttore meno giovane è stato Nicolini Ernesto classe 1931, da Alba ci ha raggiunto con una moto 125 Costa Marco. Ci sono stati motociclisti che in solitaria ci hanno raggiunto dalla Sicilia, come Giovanni Fasitta, dalla Sardegna, come Andrea Meli, e dalla Calabria, come Pasqualino Bruno. I club più numerosi sono stati quello di Alba con 27 presenze seguito dal Città di Riccione con 25 presenze e dal Jacques Maggioni Vallecrosia con 10 presenze. I moto club della Lombardia con maggiori presenze sono stati Carugo con 14, Erba con 12, e Arosio con 8. In palio in quest’edizione c’era anche una bellissima Yamaha XJ6; se l’è aggiudicata Andrea Donarini della provincia di Alessandria.
“Quest’edizione – aggiunge Muscetti – è stata speciale in quanto per la prima volta ci sono stati marchi importanti al nostro raduno a cominciare dal nostro main sponsor Metzeler marchio di origine tedesca produttore mondiale di pneumatici da moto di proprietà dell’italianissima Pirelli. Per la prima volta ci sono state anche tre nuove case motociclistiche Yamaha, Honda e Bmw che hanno permesso di provare le loro moto a tutti i partecipanti. Ringraziamo inoltre le banche della nostra provincia la Banca Popolare di Sondrio e il Credito Valtellinese per il loro supporto economico. Da buoni valtellinesi abbiamo cercato di promuovere la nostra valle facendo degustazione di prodotti tipici proponendo nella nostra ristorazione pizzoccheri, bresaola, polenta, salsicce, sciatt, cornat etc.
Abbiamo cercato di promuovere e acquistare prodotti valtellinesi e di far lavorare professionisti della provincia, dalle magliette realizzate dalla Serigrafica Valtellinese, all’impianto audio realizzato dalla Sound City di Berbenno, pizzoccheri acquistati da Bosco, carne acquistata da Donagrandi, birra Fohrenburger austriaca ma presa tramite Alfa importatore provinciale, marmellate della Vis, caramelle di Brielli, bresaole di Bordoni, vini di Sertoli Salis e scusate in anticipo se abbiamo dimenticato qualcuno. Insomma: sono stati tre giorni di festa per i motociclisti e per tutti coloro che hanno voluto far festa con noi abbiamo proposto sei concerti dal vivo e sei spettacoli di stuntman. Nell’area della manifestazione abbiamo proposto un’area stand, una piccola fiera della moto in cui i partecipanti hanno potuto vedere e acquistare le ultime novità del settore. Come organizzatori siamo soddisfatti e ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato e sostenuto soprattutto i quasi trecento volontari intervenuti anche da paesi limitrofi. Ringraziamo inoltre il comune di Sondalo, il Bim, le comunità montane, la camera di commercio di Sondrio la provincia e tutte le istituzioni. Un nostro grazie va anche alle forze dell’ordine che ci hanno aiutato per far rispettare l’ordine pubblico e per far si che nessuno si facesse del male. Ora riposeremo per un po’ e poi fra qualche mese la macchina organizzativa ripartirà per poter programmare il 37° Motoraduno Stelvio International nel 2013″.

La galleria di immagini della giornata di sabato 30 giugno 2012
In questa pagina una serie di fotografie inviate dall’organizzazione
A breve un’altra fotogallery con le immagini dallo Stelvio

redAzTione

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?