convenzioneAlpi

EDOLO – Martedì 24 gennaio 2012 alle ore 20.30, presso l’Aula Magna della Facoltà di Agraria Sede di Edolo, si terrà il seminario “LA CONVENZIONE DELLE ALPI ATTIVITÀ SVOLTE E PROGETTI IN CORSO” tenuto da Marco Onida (Segretario Generale della Convenzione delle Alpi) e Marcella Morandini (Responsabile di progetto della Convenzione delle Alpi).

Il seminario sarà seguito in videoconferenza dalla sede di Domodossola dell’Associazione per lo Sviluppo della Cultura, degli Studi Universitari e della Ricerca e nel Verbano Cusio Ossola (ARS.UNI.VCO).
A partire dal 2012 il polo di Edolo promuoverà azioni e contributi multimediali appositamente studiati per migliorare la didattica del Corso di Laurea e per consentire di seguire le iniziative organizzate dall’Università della Montagna a distanza. Per maggiori informazioni rivolgersi alla segreteria didattica di Edolo.

Che cos’è la Convenzione delle Alpi?
Nell’arco alpino vivono circa 14 milioni di persone. Per loro, ma anche per i milioni di visitatori che ogni anno si recano in vacanza nelle Alpi, è fondamentale tutelare la natura e la cultura di queste zone e conservare questo importantissimo ambiente di vita e quest’area economica con tutti i suoi tesori e le sue particolarità.
A tal fine nel 1991 è stata firmata la Convenzione delle Alpi, un accordo vincolante di diritto internazionale cui hanno aderito gli otto paesi alpini: Austria, Francia, Germania, Italia, Liechtenstein, Principato di Monaco, Slovenia, Svizzera più l’Unione europea. Tutte le Parti contraenti si sono impegnate ad elaborare e adottare misure a favore dello sviluppo sostenibile dell’area alpina e a tutela dei suoi ecosistemi come anche degli interessi economici e culturali della popolazione locale. In vari protocolli sono tra l’altro stabilite disposizioni in materia di pianificazione del territorio, agricoltura di montagna, protezione dell’ambiente, turismo e trasporti.
Le misure a favore dello sviluppo sostenibile dell’area alpina toccano diversi settori. Per esempio il turismo, ambito in cui si vogliono incentivare forme di fruizione più eco-compatibili. Grande attenzione da parte della Convenzione delle Alpi è rivolta, poi, anche agli abitanti dell’arco alpino, che si desidera coinvolgere attivamente nei vari progetti e nelle diverse misure. È stato così che nel 2006 è stata approvata la Dichiarazione «Popolazione e cultura» il cui obiettivo è esplicitamente quello di concepire e di mettere a disposizione degli abitanti un’ampia e variegata offerta di attività culturali e ricreative. In tale contesto si pensa, naturalmente, anche ai giovani ed in particolare all’incentivazione delle attività sportive.

IL PROGRAMMA DELL’INCONTRO DEL 24 GENNAIO 2012

Commenti

commenti

Riproduzione © riservata - AltaReziaNews

No comments yet.

HAVE SOMETHING TO SAY?